Prenestino

Fabia Mater, lavoratori senza stipendio da maggio. E' protesta

Trecento lavoratori della Casa di cura Fabia Mater non ricevono lo stipendio da maggio e sono a rischio di licenziamento. A loro fianco si è schierato il consigliere regionale Enzo Foschi

Un'altro caso si aggiunge ai disagi che la sanità del Lazio sta vivendo in questo periodo di crisi. Dopo le proteste dei lavoratori dell'Idi e del San Carlo, adesso si aggiungono anche quelle dei dipendenti della Casa di Cura Fabia Mater. Si tratta di una struttura d'eccellenza in tutto il Lazio e che permette perfino di effettuare i parti in acqua. Adesso a rischio licenziamento sono 300 lavoratori che da maggio non ricevono lo stipendio. Una situazione che ha portato il consigliere regionale, Enzo Foschi, a scendere in campo a fianco dei lavoratori. “È assurdo che una struttura d’eccellenza che ogni anno fornisce assistenza e fa partorire oltre duemila donne sia lasciata senza fondi dalla Regione Lazio - denuncia Foschi -. Oggi sono insieme a medici, pazienti e operatori sanitari sotto la sede della Giunta per protestare contro il mancato finanziamento regionale che sta lasciando il personale della Fabia Mater senza stipendio dal maggio scorso".

"Su questa vicenda, per la quale ho già presentato un’interrogazione in Consiglio regionale, è necessaria l’immediata convocazione della commissione sanità. Davvero singolare il comportamento della Giunta Polverini: mentre si sono trovati i soldi per cartelloni pubblicitari e camper della Regione Lazio posizionati sotto le feste davanti ai centri commerciali per reclamizzare una sanità vicina ai cittadini, si è deciso di lasciare senza fondi una clinica essenziale alla salute delle persone come la Fabia Mater che ora rischia il fallimento”.
 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabia Mater, lavoratori senza stipendio da maggio. E' protesta

RomaToday è in caricamento