menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Facebook Rinascita 2.0

Foto Facebook Rinascita 2.0

Villa Gordiani, la libreria Rinascita 2.0 è sotto sfratto: lanciata una raccolta fondi

Lo sfratto è previsto per il 2 gennaio. La titolare: "Ora speriamo di raccogliere abbastanza fondi per poter restare aperti"

? aperta da poco più di un anno, ma la libreria Rinascita 2.0 di Villa Gordiani è già un punto di riferimento per il quartiere. Il 2 gennaio prossimo, però, potrebbe essere costretta a chiudere: la libreria via Via Dignano d'Istria, che aveva aperto i battenti nel luglio del 2019, è infatti sotto sfratto. A metterla in ginocchio la pandemia di Coronavirus. “Con le chiusure e la drastica riduzione delle entrate devi per forza tagliare delle spese: non siamo più riusciti a pagare l’affitto”, racconta Cristina Sociani, una delle titolari, raggiunta telefonicamente da Romatoday. “Ora speriamo di riuscire a rimandare lo sfratto e, nel frattempo, recuperare il denaro necessario a pagare quanto dovuto”.

All’inizio di novembre Rinascita 2.0 ha infatti deciso di lanciare una raccolta fondi “per poter continuare ad andare avanti a tenere aperto questo luogo”, scrivono. “Mi sento quasi in colpa a parlarne, perché sappiamo che tante persone oggi sono in difficoltà”, dice ancora Sociani. Ma è chiaro che non si tratta di una questione personale. Una libreria in un quartiere popolare come Villa Gordiani è una cosa che interessa molte persone. “Abbiamo sempre cercato di organizzare eventi aperti a tutti e gratuiti. C’è il wifi per gli universitari che, oggi, con le biblioteche chiuse, non hanno un posto dove studiare serenamente. Quando, l’inverno scorso, i riscaldamenti delle vicine case popolari non funzionavano i residenti si riunivano qui”, racconta.

La situazione di Rinascita 2.0 mette in luce la fragilità di molte librerie indipendenti. “Per un motivo o per un altro non siamo riusciti ad accedere ad alcun aiuto economico”, spiega ancora Sociani. “Nemmeno al bando della Regione Lazio, che imponeva un fatturato minimo per la partecipazione, che non abbiamo raggiunto perché avevamo aperto da troppo poco tempo. In questo quadro, l’affitto è la spesa che ci ha messo più in difficoltà”.

La consigliera regionale del Lazio, Marta Bonafoni, ed il consigliere del municipio V, Stefano Veglianti, hanno commentato: “? necessario implementare le misure a favore di queste attività. L’avviso della Regione Lazio a sostegno del settore, sviluppato durante la prima ondata, è solo un primo tassello che necessita, tuttavia, di iniziative del Governo e di Roma Capitale. Auspichiamo dunque che anche il Campidoglio possa intervenire a favore di chi giorno e notte è impegnato, non senza sacrifici personali, nel mantenere aperti gli spazi della cultura che, come nel caso di Rinascita 2.0, diventano luoghi di impegno sociale e di aggregazione per la comunità studentesca. E’ necessaria, ora, una task force interistituzionale per la cultura”.

Gianluca Peciola di Liberare Roma ha dichiarato: “Sta succedendo qualcosa di grave in città. Roma non può perdere la libreria Rinascita 2.0 a Villa Gordiani perché è un presidio di cultura, di mutualismo, di comunità. Spazi come la libreria Rinascita 2.0 sono anche presidi di legalità. Le istituzioni, a tutti i livelli, intervengano con urgenza”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento