rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Prenestino Via Prenestina, 174

Ex Snia: a rischio progetto università. I cittadini: "No allo studentato"

Si è discusso in Campidoglio di una possibile concessione ai privati dell'area ex Snia sulla Prenestina per la costruzione di uno studentato. La protesta e le dichiarazioni del presidente Giammarco Palmieri

Un progetto che rischia la morte prima ancora di essere nato. Questo stanno pensando comitati e cittadini che nell'area ex Snia sulla Prenestina vogliono un parco pubblico e servizi per il quartiere. Un miraggio, a loro dire, se andrà in porto il “Piano di assetto generale per lo sviluppo edilizio della Sapienza” discusso in Campidoglio che prevede la costruzione di uno studentato senza però (e questo è il reale punto contestato) che vi sia alcun collegamento con l'università. Insomma, un tentativo, per il presidente del VI municipio Giammarco Palmieri, di dare il via "a ulteriori edificazioni avulse dal contesto". Cosa di cui il quartiere non ha certo bisogno.

"La delibera in discussione oggi in Assemblea Capitolina - ha dichiarato il presidente in una nota congiunta con Giovanni Assogna, Presidente e Assessore all’Urbanistica del Municipio Roma 6- rischia di interrompere per sempre un progetto nato dal territorio, quello di portare l’università nell’area della ex Snia Viscosa e di dotare il territorio di una funzione pregiata in grado di stimolare la crescita dell’intero Municipio dal punto di vista culturale, sociale, produttivo ed occupazionale". Detto questo il problema non sono, ci tengono a precisare Palmieri e Assogna, gli studentati in sè, "che rappresentano anzi un’esigenza vera per migliaia di giovani" ma piuttosto "il fatto che la loro costruzione venga consegnata al soggetto privato" rendendo vana così "l’idea di portare l’università alla Snia e gettando nel cestino anni di lavoro condiviso dalle precedenti amministrazioni con i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Snia: a rischio progetto università. I cittadini: "No allo studentato"

RomaToday è in caricamento