PignetoToday

Villa De Sanctis, su cavità e voragini il geologo allerta: "Evidente situazione critica"

Di ieri l'interrogazione del capogruppo FI, consigliere Claudio Giuliano, che riporta il problema all'attenzione del presidente Palmieri. Quali provvedimenti sono stati assunti e quali si intende assumere per garantire l'incolumità dei cittadini?

Il quadro attuale "potrebbe ingenerare situazioni di pericolo", data "l'impossibilità di stabilire precisamente la stabilità dell'intero sistema". Sul territorio del V Municipio continua l'allerta per le cavità geologiche che insistono nel sottosuolo all'altezza di Villa De Sanctis, tra pareri tecnici, riunioni politiche e question time. 

Sul tema a fine marzo si è svolta una commissione congiunta, Lavori Pubblici e Urbanistica. Quanto espresso e messo a verbale dal geologo capitolino, Theo Huber, non fa dormire sonni tranquilli ai residenti: "La situazione dello stato del sottosuolo in corrispondenza del centro sportivo e delle sue immediate adiacenze, così come risultante dalle ispezioni in loco è caratterizzata da un evidente stato di criticità, la cui evoluzione nel tempo potrebbe ingenerare situazioni di pericolo". Come se ne sono già verificate in passato. 

L'area oggetto di studi e ispezioni è quella del parco di Villa De Sanctis. Qui già da due anni è interdetto al pubblico l'area giochi per bambini a seguito di un crollo sotterraneo. E lo sarebbe anche il parcheggio adiacente, ma la recinzione non è delle migliori e le auto parcheggiano comunque. Resta aperto il centro sportivo, con spogliatoi e piscina dove stando ai tecnici insisterebbero le aree più a rischio, e a breve sarà attivo anche quello estivo per i ragazzi del quartiere.  

A supporto del parere tecnico del geologo anche il confronto tra le rilevazioni di Roma Sotterranea effettuate tra settembre 2014 e marzo 2015, che mostrano "un'evoluzione degenerativa del sistema caveale, con ulteriori episodi di crolli diffusi a carico delle calotte e una conseguente migrazione verso l'alto del tetto delle cavità". Insomma, quello si chiede a gran voce alle istituzioni è di intervenire al più presto. 

Di ieri l'interrogazione del capogruppo FI, consigliere Claudio Giuliano, che riporta il problema all'attenzione del presidente Palmieri. Quali provvedimenti sono stati assunti e quali si intende assumere per garantire l'incolumità dei cittadini?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento