Pigneto

Angoli di "monnezza" in via Casilina: le lamentele dei residenti

Rifiuti agli angoli della strada perché i cassonetti più vicini sono troppo lontani e loro, i residenti delle traverse di via Casilina nel tratto tra via del Pigneto e la circonvallazione, sono perlopiù anziani

Angolo tra via Padre Raffaele Melis e via Casilina

Angoli di "monnezza", uno dietro l'altro nel tratto di via Casilina tra piazza del Pigneto e la Circonvallazione. I cassonetti c'erano, oggi però non ci sono più e ai residenti questo non piace. Stiamo parlando di via Melis, via Grosseto e via Fivizzano ai quali angoli all'incrocio della Casilina vengono regolarmente ammucchiati sacchetti di rifiuti uno sull'altro.

Perché non portarli nei secchioni più vicini come fanno tutti? "Perchè sono troppo lontani e qui siamo tutti anziani - ci spiega la signora Maria (nome di fantasia, ndr) - non possiamo fare troppa strada a piedi". E poi fino a poco tempo fa i cassonetti erano comodamente sulla via. "Poi sono stati bruciati e nessuno li ha più rimessi - gli fa eco il signor Giovanni (nome di fantasia, ndr) - io sto con le bombole di ossigeno e non posso camminare, non mi possono chiedere di spostarmi fino a piazza del Pigneto o alla Circonvallazione".



Oltre al danno per i residenti arriva anche la beffa: multe salate infatti se le becca chi lascia i sacchetti agli angoli incriminati, ma, i controlli non sembrano spaventare i cittadini. "Io continuo a metterli lì perché non posso fare altrimenti - continua Giovanni - poi se mi fanno la multa vedremo". Sono contenti i residenti di via Melis che qualcuno ne parli e, nel frattempo, sperano che qualcun altro ascolti e, magari, intervenga.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Angoli di "monnezza" in via Casilina: le lamentele dei residenti

RomaToday è in caricamento