Sabato, 31 Luglio 2021
Pigneto Pigneto / Via Macerata

"Pigneto al buio da più di quattro giorni", e i pusher ringraziano

Niente luce nei vicoli laterali all'isola pedonale. Spaccio e microcriminalità trovano terreno fertile, al solito. E il Comitato Abitanti Pigneto torna a denunciare le condizioni del quartiere

A chiunque passeggi al Pigneto dalle 19 in poi sorge spontanea la domanda: qualche lampione acceso (e funzionante) in più nei vicoli, non sarebbe già un utile deterrente contro spaccio e criminalità? Se gli angoli del quartiere, tutti, venissero illuminati in maniera adeguata, forse i capannelli di pusher che riempiono la zona eviterebbero di vendere la droga sotto faretti di luce accecante puntati dritto nel viso. 

E invece via Macerata, via Ascoli Piceno, via Pesaro, via Campobasso, via Fivizzano, via Grosseto sono al buio. L'intero 'triangolo della vergogna' da 4 giorni non vede luce, eccezion fatta per l'isola pedonale che comunque è chiusa da camionette e blindati delle forze dell'ordine su entrambi lati. 

Per il resto, polizia e carabinieri non fanno certo la differenza, e vie e viuzze completamente al buio permettono di tutto. Spaccio, scippi e vendita di alcolici nella più completa anarchia vengono, per così dire, aiutati, dall'assenza di luce, rendendo vani i presidi di agenti e militari. 

Insomma, al Pigneto, tanto per cambiare, "viviamo una situazione drammatica". Ne sanno qualcosa i membri del Comitato Abitanti Pigneto. "Da quattro giorni il Triangolo della Vergogna noto come la Casa del narcotraffico di Roma è al buio, dopo il buon ma non completo cambio d’illuminazione, da normale a Led, l’Acea ci tiene al buio da più di quattro giorni".

"Nonostante la presenza delle forze dell’ordine il Pigneto è ancora invaso dall’esercito di venditori, dopo che abbiamo scoperto che oltre alle droghe si vende Viagra di contrabbando, scopriamo che nulla è stato risolto, anzi gli spacciatori sono ormai padroni del quartiere e come regalo l’Acea gli dà il buio completo dove possono circondare e tartassare chiunque passi vicino a loro". Il tutto avviene nelle stradine laterali all'isola, presidiata invece quasi costantemente dalle forze dell'ordine e dove a breve è prevista l'inaugurazione dei lavori di riqualificazione. 

"Preoccupante è la loro arroganza, sono all’ordine del giorno abitanti che fanno notare la mondezza che lasciano in terra al loro chiedere di pulire ora rispondono violentemente con una sequenza di parolacce e gesti volgari. La nostra preoccupazione è quando apriranno l’Isola Pedonale, dove tutti i giorni è terra di scontri tra opposte fazioni di trafficanti, una ristrutturazione bellissima ma che ci angoscia solo al pensiero che senza regole, come ora, durerà da Natale a Santo Stefano". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pigneto al buio da più di quattro giorni", e i pusher ringraziano

RomaToday è in caricamento