Venerdì, 25 Giugno 2021
Pigneto Pigneto / Via del Pigneto

Via del Pigneto, al via la biblioteca. Il Cdq: “E i cittadini...?”

A breve la nuova biblioteca di via del Pigneto sarà attiva. Il problema? Sulla gestione degli spazi "manca la consultazione dei cittadini". La denuncia del Cdq Pigneto-Prenestino

Locali Ex Serono, via del Pigneto 22

Ormai la notizia ha fatto il giro: nei locali ex Serono sta per nascere la tanto attesa biblioteca Mameli che andrà a sostituire il fabbricato di amianto di via Attilio Mori in attesa di bonifica. Buone notizie, dunque, per un quartiere che da più di un anno non ha una biblioteca. Se non fosse che la decisione di trasferire i locali “è avvenuta senza consultare i cittadini che insieme a Municipio e Regione avevano deciso un’altra destinazione di quegli spazi pubblici”. A portare avanti la protesta è il Cdq Pigneto-Prenestino che da anni in quei locali si riunisce “per parlare e trovare soluzioni ai problemi del territorio”. Riportiamo di seguito il comunicato di denuncia:

Nell’assemblea pubblica del 19 luglio scorso il presidente delle Biblioteche di Roma Antonelli e il presidente del Municipio VI Palmieri, hanno promesso un tavolo pubblico di confronto per stabilire regolamento e gestione degli spazi della nuova biblioteca che sorgerà a breve negli spazi della ex Serono a via del Pigneto 22.

Come noto, quegli spazi erano stati destinati dal Contratto di quartiere a “Casa del quartiere e piazza telematica”, e negli ultimi 3 anni di colpevole abbandono il Comitato di quartiere, insieme a tante altre associazioni e singoli cittadini, ha provato a dar vita in modo autogestito all’idea di “Casa del quartiere”. Oltre alle riunioni del Comitato di quartiere, in quegli spazi si sono riuniti il Comitato referendario per l’acqua pubblica e l’Osservatorio antirazzista, si sono svolti corsi di italiano per stranieri tutte le settimane, un’attività autogestita di giochi per bambini da parte di un comitato di genitori del quartiere, le iniziative dello sportello antiviolenza dell’assemblea delle donne del consultorio, e tante assemblee sui problemi del quartiere aperte a tutti i cittadini.

La decisione di spostare in quegli spazi la Biblioteca è avvenuta senza consultare i cittadini che insieme a Municipio e Regione avevano deciso un’altra destinazione di quegli spazi pubblici, ed è stata sorprendente visto l’uso di risorse pubbliche per ristrutturare spazi appena ristrutturati, e alla presenza di finanziamenti comunali per ristrutturare la vecchia Biblioteca di via Mori. Il 19 luglio scorso tuttavia, riconoscendo l’importanza delle attività svolte finora da alcune centinaia di cittadini del quartiere, e la necessità di non fare della nuova biblioteca un semplice museo del libro, c’era stata data pubblicamente la disponibilità di decidere insieme spazi e regole della nuova Biblioteca per permettere a queste attività di proseguire in modo continuativo e senza ostacoli burocratici, facendo convivere Biblioteca con quanto stabilito nel Contratto di quartiere.

Questo lunedì invece, finito il cantiere dei lavori, ci siamo recati come ogni lunedì negli ultimi 3 anni a fare la riunione alla Ex serono, e al nostro ingresso abbiamo sentito suonare l’allarme, del cui inserimento non eravamo stati avvertiti, nonostante tutti sappiano che ci riuniamo li da anni. I lavori sono finiti, e tutto lascia pensare che sia prossima l’apertura della nuova biblioteca. Quando Municipio e Istituzione biblioteche si degneranno di convocare questo tavolo pubblico per gestire spazi e regole con i cittadini? Aspettiamo urgentemente risposte. Nel frattempo continueremo come sempre a riunirci a via del Pigneto 22 ogni lunedì alle 19.30 per parlare e trovare  soluzioni ai problemi di questo territorio e per questo invitiamo tutti a partecipare
.

Cdq Pigneto-Prenestino

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via del Pigneto, al via la biblioteca. Il Cdq: “E i cittadini...?”

RomaToday è in caricamento