PignetoToday

Lago Ex Snia, una giornata di convegno per il futuro del monumento naturale

Il convegno on line, finalizzato alla stesura di un Regolamento di gestione del monumento naturale, sarà visibile in straming il 14 gennaio, dalle ore 10 alle 18, sulle pagine Facebook di 'Roma Natura' e del 'Lago Bullicante Ex Snia'

Una giornata di convegno 'Verso il Regolamento di gestione del Monumento Naturale Ex Snia Viscosa'. E' quanto organizzato dal Forum territoriale del Parco delle Energie per condividere con Roma Natura, diventato ente gestore dopo l'istituzione del monumento naturale da parte della Regione Lazio, le conoscenze e le competenze raccolte negli anni sull'area naturale che va dal Parco delle Energie al lago Bullicante e alla fabbrica dismessa. "Il convegno vuole restituire i molteplici studi interdisciplinari e le pratiche svolte fino a oggi dagli abitanti che si sono battuti contro l’edificazione dell’area", spiega il Forum in una nota, "in modo tale che la redazione delle linee guida di accessibilità, delle funzioni ammissibili, delle tutele necessarie avvengano in coerenza con l’evoluzione naturale del luogo e del percorso sociale che l’ha difeso".

Il convegno, organizzato con il patrocinio di Roma Natura, è in programma per giovedì 14 gennaio e sarà visibile in streaming, dalle ore 10 alle 18, sulle pagine Facebook di 'Roma Natura' e del 'Lago Bullicante Ex Snia'. Chiaro il sottotitolo dell'evento: "Vivere, tutelare e governare il processo di rinaturazione spontanea di una archeologia industriale". 

La giornata ospiterà gli interventi e le proposte degli esperti e dei componenti del Forum che, da diverse prospettive, hanno studiato e compreso l’ecosistema naturale e la valenza storica e sociale del monumento naturale e se ne sono presi cura. Tra gli altri, prenderanno parola l’etologo Enrico Alleva, il professor Ingo Kowarik, e l’attrice Lorenza Zambon. Sarà presente il presidente di Roma Natura, Maurizio Gubbiotti. Sono previsti gli interventi istituzionali dell'assessore all'Urbanistica di Roma Capitale, Luca Montuori, del presidente del V municipio, Giovanni Boccuzzi, e della responsabile dell'Ufficio di scopo Contratti di Fiume della Regione Lazio, Cristina Avenali. Di seguito il programma completo dell'evento. 

La tutela, la conservazione e l'evoluzione dell'intero monumento naturale è stato possibile grazie alle battaglie portate avanti dai cittadini fin dalla metà degli anni '90, sia per l'istituzione del Parco delle Energie sia per la tutela dell'area della fabbrica dismessa dove, nel 1992, in seguito agli scavi di un cantiere per la realizzazione di un centro commerciale, è nato un lago. "Il webinar è finalizzato alla redazione del Regolamento di gestione del Monumento naturale Ex Snia Viscosa e rappresenta una tappa importante del percorso partecipato", si legge ancora nella nota.

Il Monumento naturale Ex Snia Viscosa "è frutto di una ‘co-evoluzione' tra il processo di rigenerazione ecologica dagli esiti prodigiosi sul piano della biodiversità – innescata nel 1992 dalla nascita inattesa di un lago – e il processo sociale di presa di coscienza e autorganizzazione, tutela e consapevolezza ecologica che ha portato gli abitanti del quartiere e il Forum a impegnarsi per assicurare l’avvenire dell’ecosistema lago, in assenza di strumenti riconosciuti di comprensione, valorizzazione e tutela del fenomeno".

Il monumento naturale "è riconosciuto come l’epicentro di un processo di riforestazione spontanea, fondamentale per la riconnessione delle reti ecologiche di Roma Est, che l’amministrazione comunale ha inserito nella proposta di variante urbanistica 'Anello Verde'. Processo da tutelare e implementare prevedendo l’allargamento del monumento naturale a tutto il perimetro dell’ex fabbrica e il cambio di destinazione d’uso per la realizzazione di un bosco urbano".

Tra gli altri obiettivi che verranno analizzati nel corso del convegno, c'è "il riconoscimento della natura pubblica del lago da parte dell’Agenzia del Demanio" e la definizione di "una 'consulta', quale strumento di gestione e tutela condivisa del sito". Secondo il Forum, la consulta servirà a "dare vita a una governance alimentata da ricerca, formazione e progettazione continua, di cui il lago è il principale soggetto attuatore che stabilisce i limiti e la sostenibilità dell’azione umana. Una governance in grado di garantire al meglio l’evoluzione naturale dell’ecosistema così come il suo patrimonio storico, archivistico e archeologico, sapendo avvalersi appieno delle energie sociali che hanno permesso di raggiungere questo traguardo".

Di seguito il programma del convegno:

10.00 -10.30
Introduzione e saluti

Forum Territoriale Parco delle Energie
Maurizio Gubbiotti, presidente Roma Natura

Il lago Bullicante a volo di uccello
Enrico Alleva, etologo e divulgatore scientifico

Video di Pierre Kattar

Modera: Forum Territoriale Parco delle Energie (Forum)

10.30- 12.15

Tutele, caratteri storici ed ecosistemici

L’importanza della demanializzazione
Alessandra Valentinelli, Forum

Inquadramento delle tutele paesistiche e urbanistiche
Emilio Giacomi, Italia Nostra

Origine e qualità delle acque
Monia Procesi, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Successioni e processi ecosistemici
Giuseppe Dodaro, Fondazione Sviluppo Sostenibile

Riconoscere l’unitarietà dell’ecosistema: il monitoraggio
Corrado Battisti, Monumento Naturale Torre Flavia

Aspetti geologici: l'attualità delle carte storiche
Lorenzo Manni, Geologia Senza Frontiere

Storia fabbrica natura: una ricomposizione da difendere
Michele Colucci, CNR-ISMed

12.15 – 12.45
Interventi istituzionali

Luca Montuori, Assessore all’Urbanistica - Roma Capitale
Giovanni Boccuzzi, Presidente V Municipio
Cristiana Avenali, Ufficio di scopo Contratti di Fiume - Regione Lazio

12.45- 13.30
Conclusioni

Maurizio Gubbiotti e Alessandra Valentinelli

Introduzione sessione pomeridiana: dai vincoli agli usi

Massimiliano Tabusi, Società Geografica Italiana 

13.30 -14.30

Pausa
Il Lago Bullicante
riprese e regia di Marco Ferrari e Pierre Kattar

14.30 – 15.00
Il lago come soggetto attuatore

Perché le città hanno bisogno di aree selvatiche
Ingo Kowarik, Ecosystem Science/Plant Ecology, Politecnico di Berlino

Alloctone e vagabonde
Giuliano Fanelli, Università Roma Tor Vergata

Incontri interspecie, una riflessione sulle pratiche di cura del Lago Bullicante
Valeria Cirillo, filosofa

15.00 -16.30
Ecologia delle pratiche e proposte d’uso

Ecologia delle forme, dei processi, delle relazioni tra arte, cultura, comunità e ambiente
Lorenza Zambon, Casa degli Alfieri

Le energie sociali del sistema parco
Enzo De Martino, Forum

Rassegna delle pratiche artistiche, formative, ricreative 
Maria Lepre, Centro di documentazione territoriale “Maria Baccante”

Imparare dal Selvatico urbano
Giulia Fiocca, Stalker

Api e miele come indicatori di qualità 
Massimiliano Micheli, Apiario Lago Bullicante

La rete ecologica
Stefano Gizzi, WWF

Le funzioni didattiche
Lorenzo Nottari, LIPU

I campi di prossimità
Fabio Brandoni, Legambiente

Comunicazione, documentazione e informazione, parlare del Monumento Naturale
Ylenia Sina, Romatoday

16.30 - 17.30
La progettazione ecologica, studi e contributi dall’Alta Formazione

Condizioni del patrimonio storico e scenari per interventi sostenibili
Marco Gissara, Università Sapienza, Roma - Dip. Ingegneria

Il bunker e altre documentate strutture sotterranee
Lorenzo Grassi, Associazione Sotterranei di Roma

Dal Politecnico di Vienna
Michael Obrist, Dip. di progettazione, Politecnico di Vienna (TUWien)

Dal Master Casa Clima Bioarchitettura, LUMSA Roma
Wittfrida Mitterer, architetta

Dal Master in Environmental Humanities, Università Roma Tre
Lorenzo Romito, Stalker

17.30 -18.00
Per una gestione complessa, consapevole e partecipata: verso la costituzione di una consulta

Tavola Rotonda tra Roma Natura e Forum Territoriale Parco delle Energie

Per concludere una poesia dal Monumento Naturale di Claudio Monachesi
https://youtu.be/xZawSYjziAc

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento