rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Trieste Salario / Largo di Villa Paganini

Villa Paganini, la panchina rossa contro la violenza sulle donne è dello street artist Amars

La novità artistica è la presenza di un "livido" sullo schienale dell'arredo urbano a simboleggiare i segni lasciati dalle percosse subite da migliaia di donne in Italia

Villa Paganini accende i riflettori contro la violenza sulle donne. Nella giornata che dal 1999 è stata dedicata alle azioni per debellarla, uno dei parchi storici del Municipio II inaugura una panchina rossa, sulla quale però è stato aggiunto un elemento simbolico in più: il "livido" di una donna vittima di violenza. L'opera d'arte è frutto della creatività dello street artist romano Amars, su iniziatva dell'azienda Condexo che nei mesi scorsi contribuì anche al lancio delle coccinelle per salvare i pini dalla cocciniglia.

Sullo schienale dell'arredo urbano si legge la scritta "You destroyed me" ("mi hai distrutto") che appare ai visitatori come un vero e proprio livido sul corpo e realizzata con la tecnica delle bombolette spray. Sulla panchina anche il 1522, il numero gratuito e attivo 24h su 24 che accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking. 

“In occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne abbiamo ritenuto fondamentale dare il nostro contributo per sensibilizzare la collettività su un fenomeno che ancora oggi nella nostra società è purtroppo presente con numeri preoccupanti” - hanno dichiarato Clarissa D’Artibale, Serena Quaglia e Alessandra Valenti, Project Manager di Condexo.

La spalla artistica del progetto è stata l'associazione Arte e Città a Colori di Franco Galvano, da anni protagonista della riqualificazione urbana nei quartieri romani (tra Montesacro, Tufello e San Basilio) con splendidi murales che caratterizzano sempre di più le strade della città. "Il rispetto per le donne non dovrebbe essere una bella frase in occasione di queste ricorrenza ma un impegno costante e continuo che giornalmente dobbiamo avere. L'uso della violenza contro le donne - ha dichiarato Franco Galvano, presidente di Arte e Città a Colori - è un atto vile e di prepotenza ed il nostro rapporto con le donne deve essere sempre improntato al rispetto e alla gentilezza. Con le nostre panchine, oltre questa di Villa Paganini cinque le abbiamo realizzate e messe all’asta con Wire Coworking, vogliamo esprimere questi concetti ed anche l'arte è un veicolo per trasmettere un messaggio di solidarietà e impegno”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Paganini, la panchina rossa contro la violenza sulle donne è dello street artist Amars

RomaToday è in caricamento