menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al Coppedè sette appartamenti al posto della palazzina anni '50

Fa discutere l'abbattimento di una storica palazzina

A due passi dal quartiere Coppedè, in una delle zone architettonicamente più riconoscibili della Capitale, sta per essere demolita una palazzina novecentesca. Al suo posto, come previsto da un progetto già approvato lo scorso marzo 2017, sarà realizzato un edificio moderno. Sette appartamenti e quindici box auto, per un totale di tremiladuecento metri cubi. Una decisione che però sta destando forti perplessità.

Raggi e Soprintendenza tirati per la giacchetta

Tra i più accesi detrattori dell'operazione, il critico d'arte Vittorio Sgarbi. In un video, pubblicato sulla propria pagina facebook, ha descritto il quartiere in cui sta per essere abbattuta la palazzina. Nella zona, ricorda Sgarbi, ci sono “Ville dei primi del Novecento, con una grande armonia urbanistica ed un collegamento di stile che ha una sua unità”. Ebbene, proprio in quell'area “al civico 3 di via Ticino, una bella casa sta per essere buttata giù. Manca un vincolo della Soprintendenza – sottolinea Sgarbi – che sembra disinteressarsene”. Per colmare il gap, il noto critico annuncia di voler coinvolgere il Ministro Franceschini, oltra al Soprintendente Prosperetti, già informato della questione. “Raggi vai lì, salva la tua città” incalza Sgarbi che segnala le buone condizioni in cui versa l'edificio novecentesco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavori già iniziati

Tra quanti hanno espresso sui social network la propria perplessità, c'è anche la consigliera municipale Nathalie Naim. "Questo scandaloso progetto che prevede la demolizione di uno storico e bell'edificio nel quartiere Coppede al fine di realizzarne uno moderno e inaugurato a fini di lucro( maggiore cubatura) porta la firma dell’attuale Presidente dell’Ordine degli Architetti, Paesaggisti e Restauratori della Provincia di Roma, ovvero di un professionista che dovrebbe avere a cuore la nostra città” tuona la consigliera. Vero è che l'edificio, nonostante sia adiacente al celebre Villino Gigli e molto vicino anche al quartiere Coppedè, non è vincolato. Ed infatti i lavori, in via Ticino 3, sono già iniziati. 

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento