rotate-mobile
Parioli Africano / Via Dire Daua, 11

Manca il personale e l'avviso pubblico non si fa: stop alla consulta disabili municipale

Le famiglie del II municipio aspettano inizi l'iter per l'iscrizione all'organo di monitoraggio dell'attività amministrativa. FdI: "Lassismo". Il Pd: "Ci sono difficoltà"

A febbraio l'assemblea capitolina ha approvato il nuovo regolamento per la partecipazione delle realtà associative alla consulta cittadina dedicata alle persone con disabilità. In seguito, nei municipi è iniziato il dibattito per approvare la costituzione degli organi e in II l'atto finale è stato a luglio. Da quel momento, però, non si è avuta più notizia. Tant'è che è stata convocata una commissione trasparenza a riguardo. 

La commissione trasparenza sul mancato avvio della consulta disabili

La presidente della commissione Sandra Bertucci (FdI) ha chiesto conto del tempo trascorso e quella che è emersa è una difficoltà legata alla carenza di personale: "Il mancato avvio della consulta - dichiara la consigliera insieme al collega Hollijwer Paolo, vicepresidente della commissione politiche sociali - è dovuto all'impossibilità da parte degli uffici preposti di portare a compimento l'atto". 

FdI: "Lassismo del municipio che penalizza famiglie"

Un "lassismo", come lo definiscono gli esponenti di centrodestra nel parlamentino di via Dire Daua "che penalizza le famiglie con disabili del territorio, le uniche a Roma a non avere una rappresentanza all'interno della consulta cittadina". Infatti secondo il regolamento, i presidenti delle consulte municipali hanno diritto di rappresentanza nella consulta. 

L'ex presidente della consulta: "Organo che serve da stimolo e monitoraggio"

"La consulta è di stimolo e monitoraggio dell’attività amministrativa - racconta a RomaToday Alberto Belloni, ex presidente della consulta disabili del II e consigliere dell'associazione Etica e Autismo - . Noi in questi anni insieme all’ex assessora Carla Fermariello abbiamo completamente azzerato le liste d’attesa per il SAISH, l’assistenza domiciliare. Ed eravamo riusciti ad ottenere maggiori risorse per l’OEPA a scuola, collaborando sempre con l’assessorato. In questo territorio si era creata una situazione virtuosa per i servizi sociali". Ma adesso i giochi sono fermi: "A fine luglio il II municipio aveva approvato il nuovo regolamento - ricorda Belloni -, si è deciso di far passare agosto rinviando ai primissimi di settembre la pubblicazione dell'avviso per permettere la richiesta di iscrizione".

Un mese e mezzo di ritardo: "Uffici paralizzati, ancora nessuna progettualità per il 2023"

Ma settembre è finito, è iniziato ottobre e siamo ormai oltre metà mese: "Abbiamo quindi scritto alla presidente Francesca Del Bello e all'assessore competente Gianluca Bogino - continua l'ex presidente della consulta - chiedendo quando sarebbe partito l'iter. Il 18 ottobre ci è stato risposto che non ci sono amministrativi in grado di redigere l'atto e non c'è personale sufficiente per partecipare alla commissione che deve valutare le domande di ammissione. Questo ha un’implicazione fortissima nel nostro territorio, perché ad oggi noi non siamo rappresentati nella consulta comunale". Belloni sfrutta l'occasione anche per denunciare un sensibile stallo nel lavoro dei servizi sociali municipali: "Sono paralizzati - conclude - e non è ancora stata fatta la progettualità del 2023, in particolare sull'applicazione della legge sul Dopo di noi. Questo significa che un ragazzo come mio figlio che magari è andato a vivere autonomamente in un appartamento con altri ragazzi e operatori, senza la progettualità 2023 e lo stanziamento dei fondi potrebbe dover tornare a casa a gennaio". 

Serratore (Pd): "Pensionati e trasferiti, le consulte sono scoperte"

"Sì, alcuni sono andati in pensione, altri hanno vinto concorsi e sono andati via dai nostri uffici". A confermare l'estrema difficoltà degli uffici nel star dietro al lavoro da fare è Federica Serratore, presidente della commissione politiche sociali: "Alcune cose, come ad esempio le consulte, sono scoperte - continua a RomaToday -. Di conseguenza non si è riusciti a far uscire il bando, nonostante avessimo approvato la costituzione della consulta e il suo regolamento in consiglio". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manca il personale e l'avviso pubblico non si fa: stop alla consulta disabili municipale

RomaToday è in caricamento