rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Salario Via Salaria, 267

"Ennesima ingiustizia". A Roma la nuova opera di Laika su Patrick Zaki

La street artist Laika è tornata in strada per sostenere ancora una volta Patrick Zaki, condannato in via definitiva a tre anni di carcere. Nella notte in via Salaria, davanti l'ambasciata d'Egitto a Roma, Laika ha affisso la nuova opera dal titolo "Ennesima ingiustizia". L'artista ha scelto di tornare sullo stesso muro dove affisse per la prima volta il celebre "Abbraccio" fra Zaki e Regeni, divenuto poi simbolo in tutto il mondo della lotta e del sostegno a Patrick Zaki.

Questa volta, nel poster Patrick indossa di nuovo l’uniforme del carcere, come ne “L’Abbraccio", e con in mano un pennello ed un secchio di vernice gialla “imbratta" quel muro con la scritta “BASTA!”, riferendosi alle ingiustizie subite dal 2020 ad oggi.

“Questa sentenza è arrivata all’improvviso, come un fulmine a ciel sereno, e ha sconvolto tutti - ha dichiarato Laika - Sembra di essere tornati a quel maledetto 7 febbraio 2020. Patrick si era appena laureato e sognava di tornare in Italia, invece il governo del suo paese ha deciso di punirlo ancora una volta. Un paese con cui noi continuiamo a fare affari e che ha tolto la vita a Giulio Regeni, tanto per ricordare. Non bisogna abbassare la guardia: sappiamo quali sono le condizioni delle carceri egiziane e soprattutto quanto i diritti umani vengano calpestati. Forza Patrick, resisti, noi non molliamo. È la settima volta che ritraggo Patrick speravo di non doverlo fare più. Io però voglio sempre pensare che 'questa volta andrà tutto bene'", ha concluso l'artista.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ennesima ingiustizia". A Roma la nuova opera di Laika su Patrick Zaki

RomaToday è in caricamento