Parioli

Elezioni Municipio II: il programma del Centrodestra

Ecco i punti principali del programma elettorale a sostegno di Patrizio Di Tursi

Ecco il programma elettorale del Centrodestra a sostegno di Patrizio Di Tursi candidato presidente del II Municipio.

  1. MIGLIORAMENTO DELL’ILLUMINAZIONE PUBBLICA 

La sostituzione, negli ultimi anni, dei vecchi dispositive luminosi  con altri a LED, per qualita’ ed intensita’ meno efficaci dei precedenti, sebbene sicuramente a piu’ basso dispendio energetico, ha comportato un complessivo scadimento dell’illuminazione pubblica. 

Permangono aree con illuminazione assente o molto scarsa. Inoltre la situazione e’ in progressivo peggioramento, a causa di un’alberatura, spesso concomitante con i punti luce, scarsamente o non manutenzionata, che non consente alla luce stessa di raggiungere il suolo.

Un generale miglioramento dell’illuminazione, anche con l’adozione di dispositivi luminosi piu’performanti, sara’ di beneficio per la sensazione di sicurezza del il cittadino, specie se pedone e quale deterrenza contro le attivita’ criminose.

  1. INIZIATIVE DI VALORIZZAZIONE E DEL VERDE PUBBLICO

La numerosa presenza di ville e parchi rappresenta uno dei punti focali per il II Municipio. Lo stato di trascuratezza in cui versano parchi, ville, giardini e aiuole costituisce deterioramento del decoro urbano e, talvolta, a causa della presenza di arbusti e erbe secche, segnatamente nel periodo estivo, pericolo per possibili incendi. La scarsa manutenzione dell’alberatura, copiosamente presente nel Municipio, alimenta le perplessita’ dei cittadini circa la possibilita’ di cedimenti e cadute al suolo, come si e’ gia’ verificato numerose volte, specie in occasione di eventi meteorologici improvvisi e severi, ormai piuttosto frequenti.

Nel quadro di una maggiore attenzione e valorizzazione del verde pubblico, porzioni di parchi e ville, a seguito di specifici protocolli d’intesa, potrebbero essere concessi a bando a favore di bar, punti ristoro, esercizi commerciali affini alla destinazione dei luoghi, al fine di ottenere la costante manutenzione e cura dell’area concessa, a fronte di una riduzione dell’indennita’ di occupazione del suolo pubblico. Inoltre, selezionate aree idonee allo scopo vanno dedicate alle esigenze sportive, specialmente dei piu’ giovani, mediante la realizzazione di campi di basket, pallavolo, calcetto e, sposando le piu’ recenti tendenze, skateparks. Itinerari facilitati ed attrezzati dovranno essere realizzati per il godimento del verde pubblico anche da parte dei disabili, dei cittadini piu’ anziani e della prima infanzia.

Saranno da incrementare, con precipue direttive di Giunta Municipale in stretto coordinamento con i Dipartimenti del Comune interessati, i protocolli d’intesa con Istituzioni pubbliche ed Enti privati per concessione di porzioni di verde pubblico in cambio della regolare manutenzione di quegli spazi.

Per quanto attiene a piccoli giardini e aiuole, a similitudine di quanto gia’ sperimentato in varie citta’ europee, assegnare la responsabilita’ a cittadini volontari che vogliano impegnarsi per una regolare manutenzione, a fronte delle necessarie cautele assicurative a carico del Municipio e della sottoscrizione di un accordo.

In considerazione dell’alto numero di cittadini in possesso di cani, saranno da prevedere aree dedicate a tali animali, a fini igenici e ludici.

In particolare, Villa Borghese, per vari aspetti la piu’importante della Capitale, risulta essere scarsamente illuminata e controllata. Tale situazione comporta il fiorire del malaffare, specialmente nelle ore notturne, e limita il godimento dell’area in piena sicurezza da parte della cittadinanza e dei turisti. 

L’integrazione dell’illuminazione gia’ esistente con ulteriori dispositivi luminosi piu’ performanti, la costituzione di posti fissi di vigilanza e la dotazione di idonei automezzi e motomezzi, anche elettrici, a favore di un aumentato numero di pattuglie della Polizia Municipale, potrebbero essere risolutivi. 

Esigenze di illuminazione incrementale e vigilanza riguardano, piu’ in generale, tutto il verde pubblico. Si evidenzia la zona di Monte Antenne, luogo di dubbie frequentazioni, su cui insiste lo storico Forte Antenne, comprensorio in stato di  trascuratezza che andrebbe riqualificato e valorizzato,  strade di accesso incluse.

  1. STATO DI DEGRADO DEL PIAZZALE ANTISTANTE LA STAZIONE TIBURTINA E DI ALTRE AREE MUNICIPALI

Come noto, il piazzale in questione e’ luogo di transito di innumerevoli viaggiatori, utenti della fermata della metropolitana e cittadini che utilizzano il trasporto pubblico di superficie ivi attestato.

A causa dei lunghi tempi di realizzazione dei lavori in corso, l’area in parola risulta disordinata e non razionale. Per la sua compiuta sistemazione sara’ opportuno prevedere un tavolo istituzionale con gli altri Enti gravitanti nell’area, quali Trenitalia, Ferrovie dello Stato, BNL e, naturalmente, la Prefettura, al fine di delineare un “accordo quadro”.

Nel transitorio, e’ necessaria una maggiore presenza e controllo da parte della Polizia Municipale, anche mediante l’installazione  un posto fisso al fine di costituire deterrente specifico contro la microcriminalita’ e la criminalita’ comune. 

Inoltre, risultano abusivamente occupati alcuni stabili, nel cui interno risulterebbero alloggiati molte decine di e nuclei familiari,. 

La risoluzione di tali questioni esula dalle competenze municipali, tuttavia dovranno essere reiterati gli interventi presso i Dipartimenti comunali al fine della risoluzione della problematica.

  1. ATTIVITA’ ILLEGALI O IRREGOLARI DEI COMMERCIANTI AMBULANTI

Sono in continua crescita le attivita’ di venditori ambulanti privi di autorizzazione ovvero commercianti ambulanti regolari che esercitano la loro attivita’ in giornate o spazi non autorizzati. Le concessioni in parola sono rilasciate dalle autorita’ comunali, dunque l’attivita’ preventiva deve essere svolta in coordinamento con l’Ufficio/Dipartimento del Commercio del Comune a premessa di corrette verifiche successive da parte della Polizia Municipale, al fine della tutela delle attivita’ commerciali regolari, segnatamente quelle stanziali, e della sicurezza della mobilita’ dei cittadini, spesso costretti a percorsi tortuosi sui marciapiedi ingombri di bancarelle e mercanzie degli ambulanti irregolari e abusivi. L’eterogeneità’ dei quartieri del Municipio e della relativa cittadinanza suggerisce un approccio diversificato alla materia.

  1. ESIGENZE DI SISTEMATICA MANUTENZIONE E DI ADEGUAMENTO DEI SOTTOPASSI E GALLERIE

I sottopassi e gallerie presenti nel Municipio necessitano di regolare e frequente asportazione della fuligine dei gas di scarico che opacizzano i diffusori luminosi, peraltro, di frequente, parzialmente inefficienti, nonche’ la pulizia di rivestimenti e pareti. Inoltre, l’esiguita’ di tabelloni d’indicazione dei possibili itinerari non facilita gli utenti scarsamente familiari alle varie opere, determinando pericolose incertezze in prossimita’ degli svincoli sotterranei.

Spesso la dimensione in larghezza delle carreggiate risente della vetusta’ delle progettazioni, determinando l’esigenza di un adeguamento all’attuale traffico automobilistico.

In particolare, nel lungo sottopassaggio al di sotto di Porta Pia si rilevano  occasionali movimenti di personale che associati a uscite di sicurezza in disuso e intercapedini possibilmente in collegamento con un attiguo parcheggio sotterraneo mai completato, potrebbero indurre a ipotizzare l’esistenza di abitazioni di fortuna.

  1. ASSISTENZA ALLA DISABILITA’

Le difficolta’ economiche sorte a causa della pandemia hanno ridotto le capacita’ di parte delle categorie piu’ fragili, in termini di mobilita’, assistenza domiciliare e supporto sanitario in generale. L’assistenza alla disabilita’ e’ una precipua responsabilita’ municipale. E’ necessaria la stesura e aggiornamento delle liste degli interessati, che talvolta le famiglie non segnalano, e l’emanazione di direttive ad hoc, in coordinamento con gli Uffici comunali d’interesse, al fine di una sempre maggiore qualita’ nell’assistenza degli aventi titolo. In particolare, il Municipio dovra’ provvedere allo sviluppo di nuova progettualità volta ad incrementare la mobilita’, i servizi a domicilio, l’assistenza quotidiana alle famiglie, l’organizzazione di spazi dedicati, anche nei parchi e ville, l’adeguamento delle infrastrutture stradali.

Tale potenziamento dei servizi di sostegno e di ausilio alle esigenze quotidiane dovra’ realizzarsi, in rapporto sinergico, con analoghe attivita’ poste in essere dalle Parrocchie e dal volontariato, con i quali definire intese ed accordi.

  1. CONDIZIONI DI DIFFICOLTA’ DI PICCOLI COMMERCIANTI E ARTIGIANI PER EFFETTO DEGLI EVENTI PANDEMICI

Tali categorie sono risultate, di sovente, vittime economiche del rallentamento delle attivita’ commerciali e del mercato a causa della pandemia. Queste persone, e le loro famiglie, sono andate a costituire una nuova popolazione di poco abbienti, se non protagonisti di una nuova poverta’. Necessaria attenzione e sostegno, anche con semplificazioni burocratico-amministrative, per eventuali riaperture, riconversioni e lo sviluppo di nuove opportunita’.

  1. RIQUALIFICAZIONE DELLO STADIO FLAMINIO E DI ALTRE RILEVANTI STRUTTURE SPORTIVE 

I templi dello sport romano, testimonianza di un’architettura di successo in un momento di grande sviluppo necessitano, finalmente, della considerazione che meritano. In particolare lo Stadio Flaminio, opera di Nervi, risulta in stato di degrado e di abbandono. Le decisioni gia’ prese in Giunta, necessitano di costante monitoraggio e pronta applicazione.

Tale condizione, al momento, rende l’area poco sicura, sia per la presenza di occupanti senza fissa dimora sia per la scarsa illuminazione notturna dell’area esterna che favorisce il malaffare. 

Necessari interventi urgenti di sgombro, bonifica e manutenzione straordinaria, nelle more della definizione delle decisioni per la destinazione d’uso finale di questa importante infrastruttura sportiva, nonche’ l’indispensabile intensificazione dei controlli di Polizia.

Minori, ma evidenti problematiche sono rilevabili anche in merito allo stato del Palazzetto dello Sport per il quale, peraltro, sono stati delineate le linee d’intervento, sperando in tempi certi di attuazione.

A proposito di attivita’ sportive, non va dimenticato il fiume Tevere quale, esso stesso, sorta di infrastruttura sportiva, come testimonia l’attivita’ meritoria dei cinque Circoli Cannottieri che contribuiscono in termini di risultati a dare  lustro al canottaggio nazionale. Un fiume da curare, in sinergia con Municipi limitrofi, dunque necessario sviluppare forme di cooperazione con le ONLUS del settore (come di recente avvenuto con Marevivo), al fine di una maggiore pulizia del corso d’acqua, delle rive e, auspicabilmente, della sua navigabilita’.

  1.  INIZIATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE ANZIANA

La popolazione anziana rappresenta non solo la nostra storia, ma anche una risorsa ancora spendibile in termini di esperienza e, allorquando ancora in buona salute, di supporto a tante attivita’ di pubblica utilita’, a seconda delle singole esperienze professionali pregresse, quali vigilanti dei passaggi pedonali in prossimita’ delle scuole, conducenti di autovetture per servizi a bassa intensita’, curatori di aiuole e piccoli giardini, ausiliari nelle attivita’ burocratico-amministrative ad esempio, a favore dei disabili presso il Municipio o a domicilio, incaricati dell’organizzazione e decoro dei Centri Anziani a loro dedicati, ed altre attivita’ di volontariato compatibili con gli interessi e capacita’ dei singoli.

Il Municipio ospita alcuni tra i Centri Anziani piu’ belli ed efficienti della citta’, i quali devono essere motore di iniziative non solo ludiche, quali tornei sportivi, corsi e gare di ballo, corsi di cucina, ma anche culturali, quali sostegno alla frequenza di corsi universitari della terza eta’, visite e gite culturali, attivita’ teatrale, presenza a manifestazioni musicali, cinematografiche, teatrali. Il Municipio potra’ stipulare accordi di cooperazione con la Croce Rossa e l’ampio e variegato mondo delle ONLUS e del volontariato.

  1. RAPPORTI CON LE ISTITUZIONI PUBBLICHE, PRIVATE E CON LE RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE

Come noto, nell’area municipale sono presenti un ragguardevole numero di Ambasciate, sedi istituzionali e private  quali:

  • Comando Generale Arma dei Carabinieri;
  • Stato Maggiore dell’Aeronautica;
  • Stato Maggiore della Marina;
  • Comando Generale della Guardia di Finanza;
  • Comando Militare della Capitale;
  • Tribunale Amministrativo Regionale;
  • Istituto Superiore della Polizia di Stato;
  • Policlinico Umberto I;
  • Universita’ “ Sapienza Universita’ di Roma”;
  • Universita’ “Guido Carli” – LUISS;
  • Auditorium “Parco della Musica”;
  • Museo “MACRO”;
  • Museo “MAXXI”;
  • Numerose rappresentanze diplomatiche;

E’ del tutto evidente che, per rilevanza e numero delle sedi citate, e’ indispensabile l’istituzione di una organizzazione municipale ad hoc che possa mantenere costanti ed efficaci contatti formali e funzionali, per la promozione di Protocolli d’intesa sulle materie di competenza municipale, segnatamente misure a favore dei cittadini, nazionali e stranieri, utenti e fruitori dei servizi offerti da tali Enti, Istituzioni, rappresentanze diplomatiche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Municipio II: il programma del Centrodestra

RomaToday è in caricamento