ParioliToday

Inaugurata l'installazione della natività di Porta Pinciana

Il presepe domina le vie dello shopping del centro storico. L'opera è dell'artista romano Federico Paris. Il sovraintendente Umberto Broccoli parla di “orgoglio e senso di appartenenza”

E' stato inaugurato ieri, a largo Fellini, l'installazione della natività a Porta Pinciana. Ad accogliere gli invitati la Rome Pipe Band al gran completo: 13 musicisti, italiani e scozzesi, che con le loro cornamuse e il loro repertorio hanno contribuito a ricreare una magica atmosfera natalizia.

Torna così anche quest'anno il presepe di Porta Pinciana, la suggestiva installazione della natività che domina via Veneto, catturando l'attenzione dei romani impegnati nello shopping natalizio.  

Ad occuparsi del presepe è stato l’artista romano Federico Paris, che ha sfruttato i contrasti tra Modernità e Storia, uniformità del mattone e assoluta anarchia di colori, staticità e movimento.

Obiettivo dell'opera di quest'anno era quello di esaltare la Storia e ri-raccontarla attraverso l’Arte. Sagome di lamiera stilizzate alte oltre due metri, intagliate a mano e colorate con le vernici che si usano per le carrozzerie delle auto. Un’installazione evento, visto che l’ultima volta che le Mura furono concesse per un’installazione artistica risale al ‘74, quando l’artista bulgaro, Christo, le impacchettò con la plastica.

Umberto Broccoli, sovraintendente ai beni culturali del comune di Roma,  parla di “orgoglio” e “senso di appartenenza” per spiegare il suo ok all’idea di una Natività tra le Mura: “ho solo mantenuto una bella iniziativa, già avviata. Nessuna rivoluzione copernicana, è bene invece mantenere vive certe tradizioni. Un presepe non fa male a nessuno, anche a chi non crede. E lo dico da laico”.

Il presepe si inserisce nel rilancio delle tradizioni natalizie e della riscoperta della Storia romana, fortemente volute pure dall’assessore capitolino al Turismo, Mauro Cutrufo: “non si tratta solo di un’operazione culturale, ma per il significato che trasmette, assume per noi cattolici una valenza ancora più importante. Le figure narrano la nascita di Gesù e racchiudono la radice della nostra storia, della nostra essenza di credenti. Il Natale è un momento di gioia ma deve lasciar spazio anche alla riflessione. E allestire un Presepe a Porta Pinciana, sopra via Veneto, nota nel mondo per le immagini della Dolce Vita è un’occasione in più per scegliere come mèta di vacanza la capitale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento