ParioliToday

Chiusa la storica pasticceria Cavalletti: addio al Millefoglie amato anche dalla regina Elisabetta

Serranda abbassata per la pasticceria di via Nemorense, era li dagli anni '50: nel quartiere Trieste petizione per una nuova gestione. "Uno dei simboli della città non può sparire così"

Addio al Millefoglie di Cavalletti. Il celeberrimo dolce a tre piani farcito di crema chantilly aromatizzata al marsala, divenuto famoso nel mondo fin dal 1951 quando a Roma aprì la pasticceria Cavalletti in via Nemorense, la leggenda narra che ogni anno anche la Regina Elisabetta se lo facesse spedire a Buckingham Palace, scompare per sempre. 

Chiusa la storica pasticceria Cavalletti

Serranda abbassata da marzo, ma non per il lockdown: la pasticceria, considerata dalle guide gastronomiche tra le 5 migliori d'Italia, ha chiuso definitivamente l'attività. Secondo i ben informati, gli eredi di Cavalletti hanno deciso di non continuare. Sparisce così una delle istituzioni del quartiere Trieste, fornitore di diversi hotel e ristoranti della Capitale per ogni evento speciale. 

Da Cavalletti il Millefoglie famoso in tutto il mondo

Ma i residenti più “golosi” non si arrendono: sui social, come riporta l’agenzia Dire, è partita anche una raccolta firme per chiedere la riapertura sotto una nuova gestione.

"Cavalletti non può chiudere per sempre. Facciamo sentire la nostra voce" - scrive Andrea Palma. “Che peccato! Ad ogni compleanno compravo un millefoglie. Speriamo che qualcuno lo rilevi. Era una istituzione nel quartiere. Un saluto ai lavoratori e ai proprietari. Che ci ripensino” - il messaggio di Stefano Sorrentino. 

"Molti di noi hanno mangiato il loro Millefoglie da 30 anni e più” - commenta Giorgia Pecci. “Chi lo amava lo trovava insostituibile. Era un'istituzione nel quartiere. Pensare che abbia chiuso è un grande dispiacere". Le fa eco Manuela Macori: "Era il migliore. Ogni compleanno ne ordinavo uno, quando vivevo nel quartiere. Chi dimentica il signor Cavalletti con i capelli bianchi come lo zucchero a velo e la sua crema allo zabaione, sofficissima”.

Così dopo il Panificio Lucarelli dei Parioli che nel ‘65 sfornò la pizza per i Beatles, Roma saluta un altro pezzo della sua storia: la pasticceria Cavalletti e quel Millefoglie gradito anche alla regina d’Inghilterra. 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Millefoglie Cavalletti 2-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento