Parioli Castro Pretorio / Via Goito

La crisi espone i commercianti: in II Municipio arriva l’Ambulatorio Antiusura

Il servizio gestito da Confcommercio Roma in via Goito: sarà porto sicuro per cittadini con problemi di sovraindebitamento o usura. “Così respingiamo la criminalità”

Un porto sicuro nel quale chiedere aiuto. L’Ambulatorio Antiusura Onlus di Confcommercio Roma gestirà lo sportello antiusura attivato dal Municipio Roma II al quale i cittadini con problemi di sovraindebitamento o usura potranno rivolgersi per informazioni, orientamento e per ricevere gratuitamente consulenza circa i rapporti con i creditori, gli strumenti di tutela e di soluzione delle pendenze debitorie. 

In Municipio II nasce l’Ambulatorio Antiusura

Una collaborazione che si inserisce in un contesto strategico per la prevenzione e la lotta all'usura, un'area dove è alta la presenza di aziende, studi professionali ed esercizi locali come: acconciatori ed estetisti (1076); attività di vicinato (5001); laboratori artigianali e non (2250); attività di somministrazione (1237); attività di somministrazione ex art. 18 (178); vendita quotidiani e periodici (80). 

Sportello antiusura: così preveniamo la criminalità

"L'area di questo Municipio ha una popolazione di oltre 150.000 persone e una fortissima presenza di attività commerciali e di uffici professionali, categorie che hanno subito il duro impatto della crisi economica legata alla pandemia. In una situazione del genere, e considerando che molte persone hanno timore o vergogna di denunciare problemi di usura e sovraindebitamento, - ha spiegato l'avvocato Luigi Ciatti, presidente dell'Ambulatorio Antiusura - avere uno sportello che, in maniera del tutto anonima, offre consulenza legale e finanziaria, reputiamo possa essere un ottimo sistema di prevenzione di attività criminose e un aiuto importante per far tornare chi è in difficoltà a una vita normale. Il Paese sta attraversando una crisi gravissime e l'Ambulatorio Antiusura - sottolinea il presidente Ciatti - sta intensificando l'attività sul territorio”. Già attive le strutture di via Cola di Rienzo, nel pieno centro di Roma, e Rieti. 

La crisi e il pericolo del sovraindebitamento

Un problema, quello delle vecchie e nuove povertà, acuito a seguito della crisi sanitaria, economica e finanziaria che ha intaccato il Paese. In un quadro generale di riduzione delle risorse, in cui è sempre più faticoso offrire risposte adeguate ad esigenze sempre più complesse, l'amministrazione locale ha deciso di sviluppare, nell'ottica di un lavoro di rete, sinergie innovative come quella con l'Ambulatorio Antiusura. "Durante la pandemia non ci siamo occupati solo di emergenza. Siamo orgogliosi di dare il benvenuto ad un nuovo servizio del Municipio II, dedicato a tutte le persone vittime di usura o in situazioni di sovraindebitamento" - hanno spiegato Francesca Del Bello, Carla Fermariello e Valerio Casini, rispettivamente presidente, Assessore alla Politiche Sociali e Assessore alle Attività Produttive del Municipio II. "Lo Sportello Antiusura è una risorsa preziosa che opererà in stretto contatto con i servizi sociali e in rete con tutti gli altri servizi e progetti attivati sul territorio. L'amministrazione municipale ha continuato a lavorare per garantire risposte concrete ai cittadini piu' fragili e per ribadire il massimo impegno al fianco di coloro che, vittime di usura o di sovraindebitamento, sono stati maggiormente colpiti dalla crisi economica come conseguenza ulteriore della crisi sanitaria da Covid-19. Esiste una via di uscita dall'usura e le Istituzioni hanno il dovere di segnarla".

Come funziona lo sportello antiusura del II Municipio

Lo sportello sarà operativo il martedì e giovedì dalle 9.00 alle 12.00 presso la sede di via Goito, 35 - piano terra, previo appuntamento telefonico allo 06 44252248. Un gruppo di professionisti dell'Ambulatorio Antiusura Onlus offrirà gratuitamente assistenza legale e, ove necessario, supporto psicologico. Se si avranno i requisiti, si potrà risolvere il proprio indebitamento accedendo ai fondi di prevenzione dell'usura messi a disposizione dal MEF e dalla Regione Lazio. "Si tratta di Fondi di cui molte persone non conoscono l'esistenza e che noi gestiamo da vent'anni” - sottolinea il presidente dell'Ambulatorio Antiusura. 

Persone a rischio usura in Italia: “Numeri da riempirci l’Olimpico”

“In questo momento, c'è una sfida Stato/criminalità sull'erogazione di prestiti e aiuti, che vede le Istituzioni in affanno. Attualmente, in Italia ci sono 40.000 aziende a rischio usura, un numero esorbitante al quale bisogna aggiungere quelli delle filiere collegate, colpite dal ridotto giro di affari o, peggio, di lavoro: con tutte le persone coinvolte potremmo riempire due Stadio Olimpico".

Le mani della criminalità su negozi e attività commerciali

"A Roma - conclude l'avvocato - siamo a conoscenza di un gravissimo fenomeno di acquisti di esercizi commerciali o di quote societarie al di sotto dei prezzi di mercato. Questo avviene perchè le modalità di ingaggio della criminalità sono cambiate e, sfruttando la crisi e le situazioni debitorie che si sono create, la criminalità offre liquidità immediata che, ribadisco, risolve momentaneamente i problemi. Bisogna combattere questa situazione e dare alla gente gli strumenti per denunciare, accedere al fondi, se ne hanno i requisiti, impedendo la scomparsa di tante attività commerciali".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crisi espone i commercianti: in II Municipio arriva l’Ambulatorio Antiusura

RomaToday è in caricamento