rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Parioli Africano / Via Dire Daua

Parioli solidali, in bar e ristoranti arrivano caffè e pasto “sospesi”

La tradizione sociale partenopea sbarca in II Municipio: in bar, ristoranti e tavole calde il dono per sconosciuti in difficoltà. L’idea dal Consiglio dei Giovani

Sostenere chi in questo momento di crisi è in difficoltà attraverso la collaborazione fra cittadini e attività commerciali: con questo scopo nel II Municipio nasce il progetto del caffè o pasto “sospeso”

Municipio II: ecco il progetto "caffè sospeso" e "pasto sospeso"

Rifacendosi alla tradizione partenopea del “caffè sospeso”, ossia il dono della consumazione di una tazzina di caffè espresso a beneficio di uno sconosciuto, ecco che dai Parioli al Salario, dal quartiere Africano al Trieste la solidarietà corre tra banconi del bar, ristoranti ed esercizi aderenti all’iniziativa. Basta entrare in una delle attività del circuito solidale e lasciare in dono un caffè o un pasto: verrà poi consumato o devoluto a chi ne ha bisogno.

L’idea del caffè sospeso dal Consiglio dei Giovani

“Seguendo l’indirizzo del Consiglio dei Giovani e del Consiglio del Municipio Roma II, che ringrazio, ho firmato con l’Assessora Carla Fermariello la Direttiva per promuovere la pratica della 'caffè e pasto sospeso' sul territorio municipale, favorendo la diffusione della cultura della solidarietà” - ha fatto sapere l’assessore al Commercio del Municipio II, Valerio Casini

Caffè o pasto sospeso: come partecipare 

Gli esercizi commerciali che decidano di offrire la possibilità ai cittadini di lasciare un “caffè o pasto sospeso” possono richiedere l’iscrizione all’apposito albo dei partecipanti al progetto, predisposto dal Municipio e pubblicato sul sito istituzionale. Con un apposito adesivo verrà indicata presso i negozi l’opportunità per i cittadini di lasciare o usufruire del “caffè o pasto sospeso”.

“Gli esercizi commerciali aderenti al progetto, previa iscrizione all’albo, - spiegano da via Dire Daua - possono provvedere a stampare, a proprie spese, materiale divulgativo e vetrofania recanti il logo dell’iniziativa”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parioli solidali, in bar e ristoranti arrivano caffè e pasto “sospesi”

RomaToday è in caricamento