menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festival pro Palestina, terremoto nel municipio dei Parioli: si dimette l’assessora Pd

Lucrezia Colmayer lascia la Giunta Del Bello: "Tra promotori chi organizza boicottaggi ad Israele, mi dissocio". La minisindaca: "Dimissioni respinte, festival racconta cultura palestinese"

Terremoto nel municipio dei Parioli: in aperta polemica con la scelta della presidente Francesca Del Bello di concedere il patrocinio al al Falastin-Festival della Palestina, in programma nei giardini del Verano, si è dimessa l’assessora alla Cultura e alla Memoria, Lucrezia Colmayer

Municipio II, si dimette l'assessora Colmayer: "No a patrocinio festival Palestina"

“Quanto accaduto è inaccettabile: ho scritto personalmente alla presidente Del Bello per chiedere il ritiro del patrocinio, da cui mi dissocio, ma non ho nemmeno ricevuto una risposta” - ha detto Colmayer all’agenzia Dire. Una vicenda, ha sottolineato l’esponente dem, “che ritengo inconciliabile con la mia visione e con la mia storia politica, e che rendeva impossibile una mia permanenza in Giunta. Voglio sottolineare la mia personale presa di distanza dall’operato della presidente Del Bello - ha aggiunto l’ex assessora - e da un’associazione (Bds, ndr) che organizza boicottaggi per non riconoscere gli altri Stati. Con questo gesto voglio rinnovare la mia vicinanza alla Comunità ebraica di Roma, con cui abbiamo condiviso un importante percorso culturale e amministrativo”.

Il Falastin Festival: "Inclusione e intrattenimento"

Il Falastin Festival, in programma fino al 5 ottobre ai giardini del Verano di Roma, è organizzato dalla Comunità Palestinese a Roma e nel Lazio e si definisce come “festival di inclusione, approfondimento e intrattenimento interamente dedicato alla Palestina”. Alle iniziative parteciperanno deputati di Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali, oltre a esponenti di numerose associazioni come l’Anpi – Associazione Nazionale Partigiani Italiani, Giuristi Democratici e la Rete Ebrei contro l’Occupazione. Tra gli artisti in cartello, anche Assalti Frontali e Moni Ovadia.

Gli organizzatori del festival pro Palestina: "Chiediamo rispetto diritti umani"

"Il movimento non chiede altro che il rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale e  nasce dal fallimento decennale delle istituzioni internazionali nell’imporlo ad Israele” - così, in una nota congiunta, gli organizzatori del festival e BDS Roma. “Le attività del movimento BDS sono state più volte riconosciute come legittime e tutelate dal diritto alla libertà di espressione e di associazione, più recentemente da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Amnesty International ritiene che i sostenitori del BDS siano difensori dei diritti umani”. 

II Muncipio, Del Bello difende scelta: "Festval racconta tradizione e cultura palestinesi"

Non torna indietro Del Bello che annuncia il respingimento delle dimissioni di Colmayer e la invita a tornare a sedere nella Giunta di via Dire Daua. “Un’iniziativa che intende raccontare le tradizioni della cultura palestinese, le arti, la musica, il teatro. In  una  prima  versione  del  programma  comparivano  varie  sigle  a  sostegno dell’iniziativa, tra cui quella del BDS. Ho chiesto l’immediata revisione del  programma (trasmesso al  Municipio e  protocollato il 30.09.2020) come condizione del  mantenimento del  patrocinio, prendendo le distanze  da  controverse  campagne  di  boicottaggio  e  da  qualsiasi  manifestazione  di  ostilità  nei  confronti  dello  Stato  di  Israele.  A  tal  proposito  - ha detto la minisindaca del Parioli-Trieste-Salario - ho formalizzato  con  una  nota  ulteriori  mie  richieste  finalizzate  al  mantenimento del carattere culturale dell’iniziativa”. Poi le scuse alla Comunità  ebraica  “per  gli  equivoci  provocati  dalla  diffusione  della  versione  provvisoria  del  programma”.  

“Il nostro Municipio - ha ribadito Del Bello - accoglie le esperienze e le iniziative di tutte  le  culture  che  lavorano  per  la  pace  e  per  la  non  violenza.  Principi che guidano le mie scelte e per i quali continuerò a battermi. Mi auguro - ha concluso la presidente  che il dibattito possa uscire dal campo delle divisioni e tornare ad  essere sereno  e costruttivo come lo è sempre stato  nelle nostre sedi”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento