Africano Africano / Via Antrodoco

Da polmone verde a pattumiera: la discesa agli inferi di Villa Chigi

Bottiglie gettate nella vasca, alberi marchiati dalle bombolette spray

Le condizioni di Villa Chigi oggi 9 gennaio

Entrata lato via Antrodoco, poi la scalinata con il rumore dei passi intervallato dal suono dei vetri rotti. E infine la vasca, dove galleggiano bottiglie di birra e un cestino dell’immondizia. Questa è Villa Chigi - polmone verde del Municipio II, uno dei pezzi pregiati del quartiere Africano e del Salario - al momento al tappeto per i colpi inferti dal degrado. 

Bombolette spray e degrado

Gli altri ingressi al giardino sono quelli di via Valnerina e via Niccolò Piccinni. Una discesa agli inferi vera e propria, marchiata dalle bombolette spray e dal mancato rispetto verso un luogo storico. Firme sparse qua e là, alberature imbrattate, “una desolazione” è il commento di una residente, che si limita a scuotere la testa. 

Bottiglie che galleggiano

Come detto, l'immagine surreale è quella delle bottiglie di birra che galleggiano nella vasca in un'acqua decisamente putrida. Con loro foglie, lattine di bevande analcoliche e brick di succhi di frutta. Fino al cestino dell'immondizia, un 'capolavoro' di arte contemporanea.

Carte e cestini 'saltati'

Nella parte bassa della Villa (il parco Don Enzo Boni Baldoni) non è che le cose vadano meglio. Pure qui ci sono lattine di birra abbandonate qua e là, cartacce sparse, cestini dell'immondizia 'saltati' da terra. Un quadro non proprio idilliaco per un luogo all'interno del quale è presente un'area giochi dedicata ai più piccoli. Occhio non vede, cuore non duole recita l'adagio. Ma uno sguardo in più, talvolta, non guasterebbe.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da polmone verde a pattumiera: la discesa agli inferi di Villa Chigi

RomaToday è in caricamento