Martedì, 19 Ottobre 2021
Africano Africano / Via Asmara

Quartiere Africano: liberate 250 coccinelle per salvare gli alberi di Villa Leopardi

Gli “Amici di Villa Leopardi”, preoccupati per il loro polmone verde, hanno acquistato delle coccinelle adalia a cui hanno costruito anche una casetta. Ass. Fabiano: “Questi cittadini sono straordinari”

Come fare per contrastare il diffondersi di un insetto insidioso come la cocciniglia? E’ questo l’interrogativo da cui sono partiti i residenti del quartiere Africano. Nel territorio è infatti presente un prezioso polmone verde che gli abitanti proteggono gelosamente.

I rimedi naturali

A destare apprensione è stata la presenza dei pericolosi insetti fitogeni su un poderoso pino. Per contrastare la diffusione delle cocciniglie gli “Amici di Villa Leopardi” hanno deciso di ricorrere ad un alleato naturale, le coccinelle adalia.  Sono due in particolare i tipi di coleotteri che i volontari hanno scelto. Uno  ha una colorazione più scura e l’altro, maggiormente comune in Europa, è la classica coccinella rossa e nera. Si tratta di insetti molto efficaci contro gli afidi, i pidocchi, di cui si nutrono in grandi quantità.

L'arrivo delle coccinelle

Per rendere efficace la loro azione è necessario che i coleotteri siano posizionati a ridosso di pidocchi e pseudococcidi, le cocciniglie. “ on sapevamo con esattezza quando sarebbero arrivate ma sapevamo che, dopo un lungo viaggio, dovevamo liberarle subito” ha spiegato Massimo Proietti Rocchi, del gruppo Amici di Villa Leopardi, riferendosi alle coccinelle. La loro sistemazione sul pino infestato, si è trasformato subito in un appuntamento che ha coinvolto residenti di ogni età. Tra i volontari c'è anche chi ha realizzato una casetta per ospitarle “Noi l'abbiamo costruita, ma poi convincerle ad andarci – ha commentato Proietti Rocchi, sulla pagina sociale del comitato – è tutto un altro discorso”.

L'apprezzamento del Municipio 

"Questi cittadini sono straordinari” ha commentato l’assessore all’Ambiente del Municipi II Rino Fabiano “perché provano a curare gli alberi da eventuali pidocchi con operai naturali come le coccinelle anziché con pesticidi. Gli alberi nell’area verde – ha poi aggiunto l’assessore – stanno benissimo ed esprimono una biodiversità eccezionale anche grazie al grande lavoro degli amici di Villa Leopardi”. Ed ora potranno anche contare sul prezioso supporto di 250 piccoli insetti nati in un’azienda di Forlì, dove sono stati acquistati, e da pochi giorni trasferitisi nel quartiere Africano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quartiere Africano: liberate 250 coccinelle per salvare gli alberi di Villa Leopardi

RomaToday è in caricamento