Mercoledì, 16 Giugno 2021
Ostia Ostia

Il X Municipio riparte dopo il Commissariamento: ad Ostia polizia, perquisizioni e prime scintille

La neo presidente grillina Giuliana Di Pillo presenta gli assessori. Polemica Pd-CasaPound

Dopo quasi due anni e mezzo di stop forzato, ad Ostia torna la politica. Il 7 dicembre, infatti, si è tenuta la prima sudata del nuovo X Municipio a 5 Stelle. Era il 27 agosto del 2015 quando il presidente della Repubblica firmava il decreto di scioglimento per mafia del X Municipio. Dopo il lungo commissariamento affidato al prefetto Domenico Vulpiani, l'aula Massimo Di Somma ha accolto il nuovo consiglio municipale, dopo le elezioni di due settimane fa che hanno portato alla vittoria il Movimento Cinque Stelle guidato dalla neo minisindaca Giuliana Di Pillo, vincitrice al ballottaggio sulla candidata del centrodestra, Monica Picca.  

Polizia e controlli fuori il parlamentino di Ostia

Tanti i controlli dentro e fuori il palazzo del Governatorato. In piazzale della Stazione Vecchia camionette della polizia hanno controllato automobilisti fino al limitrofo piazzale della Posta. Non solo. L'ingresso del X Municipio è stato a numero chiuso, visti pochi posti dell'aula Massimo Di Somma, con un maxi schermo nel chiostro del palazzo per seguire in streaming la prima seduta consigliare. A vigilare gli agenti, in divisa e in borghese, del commissariato del Lido diretto da Fabio Abis che hanno anche perquisito alcuni presenti, soprattutto i tanti militanti di CasaPound accorsi ad Ostia, anche in compagnia del segretario nazionale dei 'fascisti del terzo millennio' Simone Di Stefano.

Chi sono i consiglieri del X Municipio

Un "primo giorno di scuola" da tutto esaurito. Quindici i consiglieri della maggioranza pentastellata: D'Alessio, Allegrini, Di Giovanni, Sarazzi, Ricci, Vitolo, Mantuano, Nasetti, Guerreschi, Prossomariti, Presta, Cotti Zelati, Manuelli, Mattei e Laici. A seguire il centrodestra, con tre consiglieri per Fdi (Picca, Malara e Marchesi), e uno per Forza Italia (Mariacristina Masi). A completare la geografia del consiglio municipale i due scranni del Partito democratico (De Luca e Welyam) e uno a testa per Casapound (Marsella), Laboratorio Civico X (De Donno) e Ora (Bozzi). Eletta, come presidente del consiglio, la grillina Catia Guerreschi. I vicepresidenti saranno Vittorio Allegrini del M5S e Maria Cristina Masi del centrodestra.

Catia Guerreschi-3

Scintille tra De Luca e Marsella 

La prima riunione, però, è iniziata subito con uno scontro in aula. Athos De Luca, consigliere del Pd e candidato presidente alle ultime elezioni per i dem, ha attaccato duramente il consigliere di Casapound Luca Marsella chiedendone l'allontanamento: "Non possiamo chiudere gli occhi di fronte all'endorsment degli Spada per Casapound- dice De Luca- durante la campagna elettorale gli esercenti di Nuova Ostia sono stati intimoriti a non ricevere bigliettini di altri partiti. Per questo abbiamo fatto una denuncia alla Commissione antimafia".

Marsella, sostenuto da un gruppo di manifestanti "neri", ha quindi risposto: "O lei vuole sovvertire la democrazia o si metta l'anima in pace che io sono un consigliere come lei. E comunque verrà querelato. Noi condanniamo ogni tipo di mafia e malaffare e si ricordi che è stato il suo partito a far commissariare questo municipio". La mozione presentata da De Luca per respingere Marsella da consigliere del X Municipio è stata respinta. 

Consiglio X Municipio3-2

Gli assessori del X Municipio: "Vogliamo legalità"

Non solo polemiche però. E' stata anche la giornata dei neo assessori del X Municipio nominati dalla mini sindaca Giuliana Di Pillo. I rappresentanti del municipio a 5 stelle sono tutti concordi su come dovranno svolgersi i lavori. "Porte aperte ai cittadini e all'opposizione", dice Claudio Bollini, assessore ai Lavori pubblici e già assessore nel XV Municipio (qui la notizia completa). "Strade, viabilità, mobilità e pulizia in tutti i sensi" le priorità del suo assessorato. La sicurezza sarà al centro dell'assessorato all'Ambiente guidato da Alessandro Ieva, che spiega: "Non si può ragionare con interventi spot, ma bisogna ragionare su piani di intervento. Avere un programma è la scelta vincente".

I giovani sono "la forza del Municipio" e sono ovviamente al centro dell'azione dell'assessorato alle Politiche educative e sociali di Germana Paoletti, che punta a far emergere "le molte eccellenze presenti sul territorio". Così come l'assessorato allo Sport guidato da Giampaolo Gola, che ha come obiettivo "far tornare i grandi eventi sportivi nel litorale per riscattare il nome di Ostia". Riportare i turisti a Ostia è anche la priorità dell'assessore al Turismo, Damiano Pichi, il tutto "in una logica di legalità". "Onestà e trasparenza ci guideranno - conclude Paola Zanichelli, assessore al Bilancio - questo è un momento cruciale per i residenti di Ostia" ed è necessaria una "gestione più aperta e chiara".

Il programma di Giuliana Di Pillo

Saranno 17 i punti programmatici che la neo minisindaca del X Municipio, Giuliana Di Pillo, ha presentato al parlamentino di Ostia. La legalità è al primo posto nelle priorità della presidente. Mobilità, viabilità, sicurezza, verde, mare e dissesto idrogeologico sono le parole che Di Pillo ha ripetuto più spesso durante il discorso, durato più di un'ora: "Siamo consapevoli che non potremo realizzare tutto in tre anni ma gettiamo le basi per un'idea di municipio verso cui tendere".

I cittadini saranno partecipi del loro Municipio: "Questo è il modello di città che abbiamo in mente. Tutti, dalla maggioranza all'opposizione, abbiamo lo stesso obiettivo, ovvero lavorare per questo territorio e lasciarlo migliore di come l'abbiamo preso". E ha concluso: "Spero che lavorando insieme si possa appunto realizzare il meglio", anche se "non si può fare tutto subito".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il X Municipio riparte dopo il Commissariamento: ad Ostia polizia, perquisizioni e prime scintille

RomaToday è in caricamento