OstiaToday

Ostia, scontro Pd - M5s sul Mercato Sociale: "Raggi mente. Per beneficiarne è obbligatorio lavorare gratis"

Il Partito Democratico attacca: "Rimaniamo senza parola davanti alla capacità di mentire senza vergogna della Raggi e di Ferrara"

E' scontro tra il Partito Democratico ed il Movimento 5 Stelle in merito alla questione del primo mercato sociale di Roma, inaugurato ad Ostia lo scorso 29 aprile.

"Nei giorni scorsi abbiamo denunciato il folle progetto dei grillini nel X Municipio dove si chiedono ore di lavoro gratuito a favore del Comune in cambio di aiuti alimentari. Sul punto è intervenuto anche il Gruppo PD in Campidoglio chiedendo il ritiro di questo progetto illegale e contrario ad ogni regola morale. Ora abbiamo le prove", tuonano n una nota Julian Colabello e Antonio Senneca, rispettivamente responsabili beni comuni e antifascismo del PD Roma.

Di tutta risposta la Sindaca Raggi è intervenuta sui social per spergiurare che non c'era nessun obbligo di lavorare per ottenere gli aiuti alimentari: "Voglio fare chiarezza su come funziona il meccanismo del social market: si fa la spesa con una card che viene ricaricata anche attraverso il tempo che viene dedicato ad attività socialmente utili. Sottolineo che non c'è nessun obbligo e che tutto viene svolto su base volontaria. Voglio anche evidenziare che chi fa la spesa in questo Mercato Sociale non viene escluso dalle altre azioni che abbiamo già messo in campo".

Anche il consigliere Paolo Ferrara, grande promotore dell'iniziativa, è intervenuto sui social per gridare "vergogna PD" per aver attaccato un progetto di "aiuto" alle persone in difficoltà che prevedeva "anche la possibilità di fare lavori socialmente utili". Bene, tutto questo, secondo i Dem è falso.

"Siamo infatti in possesso della delibera di giunta del Municipio X e del disciplinare del progetto in cui all’articolo 5 si dice chiaramente che 'I singoli beneficiari del sostegno e almeno un componente del nucleo famigliare dovrà prestare al progetto almeno 5 ore settimanali di volontariato'. Ora a meno che Ferrara, Di Pillo e Raggi non usino una lingua diversa dall'italiano "dovrà" significa che il lavoro favore de Comune di Roma è obbligatorio per accedere agli aiuti alimentari. -sottolineano Colabello e Senneca - Questi documenti sono stati resi noti dalla capogruppo del PD del I Municipio Sara Lilli che li ha ricevuti dal gruppo dei 5 Stelle del suo municipio a sostegno della loro proposta di attuare questo folle progetto anche nel Municipio Roma 1 Centro. Come sottolineato dalla Consigliera Lilli questo conferma anche l'intento mai celato della Raggi di mettere in pratica questo sfruttamento dei più deboli non solo ad Ostia ma in tutta la città".

Come scritto sui social dal Consigliere Ferrara dei 5 Stelle "le persone in questo momento portano le buste piene di spesa al Mercato Sociale", ma sono "ignare che il Comune distribuirà questi aiuti solo in cambio di lavoro volontario ma obbligatorio", attaccano gli esponenti del Partito Democratico che poi incalzano ancora: "Rimaniamo senza parola davanti alla capacità di mentire senza vergogna della Raggi e di Ferrara, questi progetti vanno immediatamente chiusi e le donazioni dei romani distribuite ai bisognosi senza alcuna condizione o obbligo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo, nell'aula del X Municipio, anche la Lega con Monica Picca che ha posto una 'question time' alla presidente Giuliana Di Pillo: "Riguardo al Mercato Sociale si conosce assolutamente nulla sui parametri di scelta delle famiglie in difficoltà. Come Lega X Municipio chiediamo che la Presidente chiarisca nel dettaglio il contenuto delle dichiarazioni e tutti punti oscuri sulle azioni che stanno intraprendendo. Quello dell'amministrazione è atteggiamento di chiusura che continua a protrarsi nonostante i nostri solleciti e che fa male a tutti, primi fra tutti i cittadini", attacca il capogruppo della Lega ad Ostia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento