menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Roma Lido, la stazione Giardino di Roma è una chimera: "Aprire cantiere fermo da 15 anni"

A chiedere l'apertura del cantiere Fabrizio Ghera capogruppo di Fdi alla regione Lazio, Andrea de Priamo, capogruppo di Fdi in Assemblea Capitolina e Giancarlo Laino, componente del coordinamento di Fdi nel Municipio X e residente nel quartiere Giardino di Roma

La stazione Giardino di Roma della Roma-Lido resta una chimera. Lo scorso anno, a febbraio, in Consiglio comunale era stata approvata all'unanimità una proposta di delibera (la 127/2019 a prima firma dell'allora consigliere M5s, oggi assessore, Pietro Calabrese) per vincolare al progetto circa 3,6 milioni di euro, entrate derivanti da permessi a costruire rilasciati nell'area

Un passo in avanti che però non ha sbloccato l'iter che, secondo Fratelli d'Italia, "va accelerato" anche perché l'intera tratta è ora passata alla Regione.

"Adesso che la gestione è passata alla Regione Lazio è l'amministrazione Zingaretti che deve spiegare perché dopo oltre 15 anni di attesa, ancora non viene messa in opera questa infrastruttura, assolutamente necessaria alla mobilità di un quadrante cittadino in cui risiedono circa 20.000 persone, con una elevata utenza di pendolari (studenti, lavoratori e turisti). - si legge in una nota di Fabrizio Ghera capogruppo di Fdi alla regione Lazio, Andrea de Priamo, capogruppo di Fdi in Assemblea Capitolina  e Giancarlo Laino, componente del coordinamento di Fdi nel Municipio X e residente nel quartiere Giardino di Roma - Zingaretti non ha più scuse, la stazione Giardino è prevista nel Piano Regolatore, è stata progettata e finanziata, grazie anche all'impegno di Fdi che ha presentato mozioni e interrogazioni sia in Assemblea Capitolina che in Aula alla Pisana, in sinergia con l'attività dei nostri consiglieri municipali e dirigenti territoriali. Ma i cantieri non partono lo stesso".

"Pertanto chiediamo con una interrogazione al Presidente e all’Assessore ai Trasporti di relazionare il Consiglio Regionale sullo stato dell’iter amministrativo e su eventuali cofinanziamenti della Regione ,qualora le risorse da Roma Capitale stanziate non siano sufficienti, nonché su quali siano gli adempimenti ancora da completare", conclude Fratelli d'Italia

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona arancione più vicina per Roma e il Lazio. D'Amato: "Curva in ascesa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento