rotate-mobile
Ostia

Ostia, il Tar blocca il bando spiagge libere. Stagione estiva a rischio?

M5S: "Il Consiglio del Municipio approva la realizzazione di varchi per il libero accesso al mare nei pressi della Rotonda"

Il Tar del Lazio ha bloccato il bando relativo alle spiagge libere di Roma Capitale. La notizia la diffonde, sul suo profilo facebook, Paolo Ferrara capogruppo del Movimento 5 Stelle del X Municipio.

"La stagione è di nuovo compromessa e questa Amministrazione è veramente imbarazzante", ammonisce il grillino che spiega: "Abbiamo fatto un accesso agli atti per capirne di più, ma già ora da quello che emerge la situazione è molto preoccupante. State pronti a vederne delle belle! L'esclusione di alcune Cooperative sociali, rimaste fuori dal bando per 'piccoli abusi' lascia perplessi, proprio quando gli attuali vincitori, come si evince da questo documento, hanno lasciato per mesi manufatti abusivi sugli stessi arenili. Io non ho nulla contro queste persone, ma si determina sicuramente qualcosa di poco chiaro che presto sono sicuro verrà a galla".


Nel frattempo arriva nel parlamentino lidense la richiesta d’intervento per l’accesso agli arenili in prossimità del Piazzale Cristoforo Colombo nei pressi della Rotonda del Lido di Ostia.

A presentarla è proprio il Movimento Cinque Stelle a firma del suo capogruppo che in una nota dichiara: “sono soddisfatto che la risoluzione sia stata votata all’unanimità, questo significa che nasce una nuova consapevolezza riguardo la necessità di cambiare strada e di riconsegnare le spiagge ai cittadini che tra le altre cose, sono i legittimi proprietari – prosegue il consigliere – i titolari di concessione devono ripensare il modello economico presentando una visione diversa e che ricalchi le più grandi località balneari del pianeta. La fruibilità delle spiagge deve essere all’ordine del giorno, se questo è un punto di partenza noi siamo pronti a fare la nostra parte. Serve uno sviluppo economico al servizio del cittadino e non solo a tutela del portafogli di pochi. Lavoro, occupazione e la tutela degli imprenditori ci sono a cuore, ma senza lasciare indietro i diritti di una comunità”.

Nel documento si precisa come piazzale Cristoforo Colombo sia accesso diretto di una delle principali arterie che collegano il territorio al litorale romano e per cui punto d’incontro dei residenti del municipio, degli abitanti della città di Roma e di un numero considerevole di turisti.

Un riferimento importante anche alle norme che prevedono l’abbattimento delle barriere architettoniche, arriva all’interno del documento presentato dal consigliere municipale, il quale sottolinea il diritto sancito dall’art. 16 della Costituzione; quello di muoversi liberamente su tutto il territorio nazionale. Conclude Ferrara: “Nel progetto dovrà essere prevista una rampa di accesso per i disabili con relativa passerella in materiale leggero che permetta, in sicurezza, alle carrozzelle di avvicinarsi al mare”.

tar-4

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostia, il Tar blocca il bando spiagge libere. Stagione estiva a rischio?

RomaToday è in caricamento