menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le foto del degrado dello stadio di Ostia documentata dalla Lupa Roma

Le foto del degrado dello stadio di Ostia documentata dalla Lupa Roma

Ostia, X Municipio: "Rivedere affidamento dello stadio". La Lupa Roma spera

Il parlamentino di Ostia chiede di rivedere l'affidamento temporaneo: "Il Giannattasio versa in una condizione di assoluto degrado"

Questa mattina il consiglio del X Municipio ha espresso la volontà unanime di riqualificare l'impianto di maggiore valore sportivo, storico e simbolico del territorio. Lo stadio Pasquale Giannattasio 'Stella Polare', di Ostia è un bene di proprietà comunale, concesso al CONI nel 1970 e attualmente in affido provvisorio alla Federazione Italiana di Atletica Leggera.

CANONE DI 51 EURO L'ANNO - L'ente gestore paga un canone irrisorio di 51,65 euro all'anno e disattende alcuni obblighi sanciti dal disciplinare di affidamento temporaneo: in particolare, quello “di provvedere all'adeguamento delle strutture alla normativa vigente, con particolare riferimento all'eliminazione delle barriere architettoniche, nonché di provvedere alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili e degli impianti”. 

L'IMPIANTO - Di fatto, al momento, lo stadio Giannattasio versa in una condizione di assoluto degrado, che ne impedisce la piena fruibilità da parte della cittadinanza. Eppure, il centro è provvisto di 8 corsie di atletica leggera che consentono lo svolgimento di manifestazioni internazionali. Inoltre, considerata la sua grandezza e le strutture di cui dispone è in grado di ospitare molteplici discipline sportive e sono presenti spazi inutilizzati dove poter realizzare strutture per la pratica sportiva indoor. 

AFFIDAMENTO TEMPORANEO - "Con la risoluzione approvata oggi, il X Municipio chiede ufficialmente all'assessore allo Sport di Roma Capitale Paolo Masini di rivedere la possibilità di affido temporaneo in favore di una procedura di concessione che possa garantire migliorie certe dell'impianto. Inoltre, si chiede di favorire come parametro di assegnazione la 'territorialità' del soggetto proponente e di coinvolgere le realtà sportive locali nella definizione dei criteri di concessione. Il tutto, salvaguardando gli attuali livelli occupazionali, a partire dai lavoratori con famiglie monoreddito", commenta Giovanni Zannola, presidente commissione Servizi Sociali, Sport e Pari Opportunità del X Municipio.

DEGRADO ALLO STADIO - Il Giannattasio, come illustrato dalle immagini qui sotto, è in condizioni pietose. I seggiolini della tribuna, praticamente impraticabili, sono rotti o smontati. Il gradoni presentano crepe visibili mentre nella parte circostante, vicino gli alberi della pineta interna, si posso notare ostacoli, materassi o calcinacci gettati alla meno peggio. Senza considerare, poi, la questione relativa al manto erboso. Trovare del verde, su quel terreno, è davvero difficile. 

LA LUPA ROMA SPERA - Il problema degli stadi, in Italia, è molto serio. La Lupa Roma, società che milita nel girone C della Lega Pro, è costretta a giocare ad Aprilia i match interni, perché a Roma non esiste un impianto idoneo a ospitare la squadra. La società, attraverso il suo presidente Alberto Cerrai, ha quindi lanciato un appello in una lunga nota apparsa nel sito del club per ottenere la gestione dell'impianto di Ostia: "C’è un bene pubblico che versa in condizioni pietose, c’è un popolo sportivo che ha diritto ad una casa civile, c’è una società sportiva del Municipio che è stanca di vivere da emigrante, ma c’è anche una società sportiva, una azienda di capitali che rischia di fallire e creare disoccupazione se questo diritto non gli verrà concesso. Se le cose non cambiano lascio la Lupa Roma". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento