Ostia

Ostia, cucine "inutilizzabili": occupata scuola alberghiera Castelfusano

Gli studenti: "E' vergognoso che in un istituto alberghiero ancora sia inagibile la cucina a disposizione degli studenti per la pratica e che l'unica agibile sia quella in prestito dall'istituto Safart"

Le cucine sono "inagibili" e così gli studenti hanno occupato questa mattina il Cfp Castelfusano, l'istituto alberghiero di Ostia. Gli studenti hanno messo catene ai cancelli ed esposto striscioni e bandiere e non sono intenzionati ad andare via.

"Occupiamo perché è vergognoso che in un istituto alberghiero che a livello regionale può considerarsi una perla del nostro territorio, ancora sia inagibile la cucina a disposizione degli studenti per la pratica e che l'unica agibile sia quella in prestito dall'istituto Safart, il quale può reclamarne la proprietà in qualunque momento facendo restare senza cucina gli studenti", spiegano gli studenti.

"Il Cfp Castelfusano - sottolinea Lorenzo Carabelli, responsabile di Blocco Studentesco - deve essere una comunità autosufficiente e non a ricasco di altri istituti. È inaccettabile che dopo un primo verbale dei vigili del fuoco, il quale permetteva un accesso ridotto ai locali della cucina, la Regione abbia stabilito un fermo sulle cucine senza avviare alcuna pratica per rimediare a ciò. Della burocrazia e dei vari passaggi che devono essere fatti tra regione e città metropolitana a noi poco importa, siamo al 1 dicembre e tutti questi iter dovevano esser già stati conclusi ad inizio scuola a settembre". L'occupazione, spiegano gli studenti, che "andrà avanti anche nei prossimi giorni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostia, cucine "inutilizzabili": occupata scuola alberghiera Castelfusano

RomaToday è in caricamento