rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Ostia

Pall.Roma Litorale Nautilus: mai in partita contro Jesi

Le ragazze di Ostia lasciano i tre punti alla Monteschiavo e perdono una buona occasione per smuovere la classifica contro una squadra per la maggior parte formata da elementi under 18

La Pallavolo Roma Litorale Nautilus torna dopo un mese a giocare al Pala Assobalneari di Ostia e non riesce praticamente ad entrare in partita se non al terzo set: le ragazze di Grechi lasciano i tre punti alla Monteschiavo Jesi e perdono una buona occasione per smuovere la classifica contro una squadra per la maggior parte formata da elementi under 18.

Dopo la buona prova disputata la scorsa settimana contro la OMG Galletti Vceppi ( peraltro vincente contro la seconda in classifica in questo turno), ci si aspettava una altrettanto prova convincente contro le pari età marchigiane: purtroppo sono stati tanti gli errori commessi dalle lidensi, soprattutto nei fondamentali di seconda linea, che hanno inevitabilmente compromesso  tutto il gioco di squadra.

Primi due set completamente da dimenticare: Grechi prova a mescolare le carte utilizzando tutta la panchina a disposizione per cercare di dare una svolta alla partita, ma nessuna soluzione dà risultati. Numeri impietosi dicono di soli 14 punti che le lidensi mettono a segno sui 29 registrati a referto, frutto quindi di 15 errori avversari: le stesse marchigiane usufruiscono dei tantissimi errori a volte evitabili della Nautilus ma riescono a dare più continuità al loro gioco.

Nel terzo set le ragazze di Grechi entrano in campo finalmente più convinte e concentrate, raggiungono anche un vantaggio di sei punti ma vengono riprese sul 14 pari: ancora un piccolo vantaggio fino al 21-18, la Monteschiavo accorcia e si porta sul 21-20. Da lì è un punto a punto fino   al 24 pari, ma la Nautilus non riesce a concretizzare ed il set si chiude 26-24 per le avversarie.

Ora bisogna tornare in palestra e lavorare con una convinzione maggiore, c'è la necessità di metabolizzare gli errori commessi e farne esperienza acquisita, aver presente i progressi fatti negli ultimi sei mesi di lavoro ed essere consapevoli delle proprie capacità e cercare di sfruttarle. Alti e bassi sono normali per squadre così giovani, la medicina migliore è guardare sempre avanti e cercare nuovi traguardi da raggiungere sia tecnicamente che tatticamente, aiutate come fatto fino ad ora dai loro allenatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pall.Roma Litorale Nautilus: mai in partita contro Jesi

RomaToday è in caricamento