OstiaToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Elezioni Ostia, Di Pillo: "M5S ha raddoppiato i voti". Ma i conti non tornano

La candidata del M5S: "L'effetto Raggi è sicuramente positivo"

 

Il Movimento 5 Stelle ha "raddoppiato i voti nel X Municipio rispetto al 2013". Il Movimento 5 Stelle "è il primo partito del litorale romano". Lo ripete come un mantra Giuliana Di Pillo, candidata pentastellata al parlamentino di Ostia. Al ballottaggio se la giocarà con Monica Picca, rappresentante della maxi coalizione del Centrodestra. 

Di Pillo, oggi, ha scelto una insolita cornice per la sua conferenza stampa post elezioni radunando i giornalisti sul marciapiede di piazza della Stazione Vecchia, così vicino a quel X Municipio tanto ambito ma pur sempre fuori le mura del palazzo del Governatorato. Il M5S che esce dalle ossa rotte dalle elezioni del 5 novembre rivendica pero il ruolo di prima forza politica anche se i conti grillini non tornano.

"Abbiamo quasi raddoppiato i voti alla lista, rispetto alle ultime elezioni municipali del 2013, passando dal 16% al 30,33%, e abbiamo anche visto aumentare le preferenze accordateci. Siamo molto soddisfatti dell'esito delle votazioni e per il MoVimento 5 Stelle è un risultato molto importante in questo territorio", dice Di Pillo.

Il X Municipio resta a casa: vota solo un cittadino su tre

Dichiarazioni riprese anche dal capogruppo al Campidoglio Paolo Ferrara e dai consiglieri M5S di Roma Capitale Nello Angelucci e  Giuliano Pacetti. Secondo loro è "evidente il successo dell'effetto Raggi". I numero sciorinati dal 5 Stelle, però, stridono con i numeri reali

Nel 2013 il Movimento 5 Stelle, proprio con Ferrara candidato presidente, prese il 16,98% dei complessivi 88.810 votanti. 15.082 i voti complessivi, contro i 19.136 di oggi, quindi non proprio il doppio considerati anche gli 67.125 che hanno votato. E poi c'è il dato delle comunali, all'epoca super con 42.385 preferenze, ma che ora sa di mannaia sulla candidata di Di Pillo. Insomma i conti non tornano.

 CasaPound entra in consiglio e nella storia: ora è un partito vero

"I cittadini hanno compreso che noi siamo gli unici che non hanno mai governato nel decimo Municipio, a differenza delle coalizioni di centro destra e sinistra, che hanno lasciato solo disastri. Ci dispiace per il dato sulla scarsa affluenza alle urne, segno della grave disaffezione verso la politica. D'altronde, in un Municipio sciolto per mafia, e commissariato da due anni, ci si poteva aspettare un risultato simile. Per il ballottaggio il nostro obiettivo, infatti, è  quello di aumentare la partecipazione dei cittadini, soprattutto quella di coloro che si sono allontanati dalla vita politica dopo lo scioglimento dell'ultima Giunta per infiltrazioni mafiose", sottolinea Di Pillo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento