Ostia Ostia

Decentramento amministrativo: più poteri e autonomia ad Ostia

Ieri il Sindaco ha presentato e firmato la delibera che consegna nuovi poteri al XIII municipio. Commosso il presidente Giacomo Vizzani che parla di “svolta epocale”. Alemanno assicura: “Più poteri, ma anche più controlli”

Manca solo il via libera del Consiglio comunale e poi il decentramento amministrativo nel XIII Municipio sarà realtà. E’ stata infatti approvata lo scorso pomeriggio, in una seduta congiunta, tra il Sindaco Gianni Alemanno e la giunta municipale, guidata da Giacomo Vizzani, la delibera sul decentramento, che attribuisce al minigoverno di Ostia, maggiori poteri e autonomia gestionale e di intervento su tutte le questioni primarie che interessano la cittadinanza locale.

Definita da un commosso Presidente Vizzani, una “svolta epocale”, il decentramento amministrativo così approvato, introduce in particolar modo due novità importanti che riguardano l’introduzione di una Commissione di consultazione Comune - Municipio e, rispetto alle risorse finanziarie a disposizione, una sorta di federalismo fiscale ad hoc.

“La delibera introduce la compartecipazione sulle scelte che riguardano il territorio a fronte del parere non vincolante che i rappresentanti istituzionali di Ostia detengono oggi, in più”, ha affermato il minisindaco Vizzani. “Introduce inoltre un sistema premiale per le entrare tributarie del municipio, introducendo un piccolo federalismo fiscale”.

In particolare, se nella delibera viene introdotta questa Commissione di Consultazione Comune-Municipio che vigila su alcune precise materie come servizi sociali, educativi e scolastici, sulle restanti questioni, aree verdi e parchi pubblici, pianificazione territoriale e urbanistica, attività produttive, commerciali, servizi lavori pubblici, litorale, patrimonio ,demanio, il Municipio acquisisce, non in maniera esclusiva, ma comunque maggiore libertà di intervento.

In materia di Urbanistica, che preoccupa molte associazioni del territorio, il municipio, si legge nella delibera, dopo aver presentato programmazione al Comune entro il 31 dicembre, ha competenza di individuare le opere di urbanistica primarie e secondarie ricadenti nel territorio.

“Ostia acquisisce un’autonomia mai avuta prima,che chiude una vicenda che ha radici antiche e che si intreccia con la questione Ostia-comune autonomo” ha affermato il Sindaco. “Con questa delibera diamo piena autonomia ad Ostia per il governo di prossimità della vita quotidiana dei cittadini, ma il decentramento sarà controbilanciato da un maggior controllo e da una maggiore vigilanza del Comune, fino ai poteri sostitutivi”.

Di svolta al decentramento infine ha parlato Enrico Cavallari, Assessore Comunale al Decentramento amministrativo per il quale “ con l’approvazione della delibera nel XII Municipio il Campidoglio dà una svolta verso l’autonomia locale necessaria per rendere i singoli territori di Roma in grado di rispondere in maniera più diretta e tempestiva alla cittadinanza”.

La decisione di cominciare proprio dal XIII Municipio nasce dal fatto che “Ostia rappresenta un territorio a sé all’interno della Capitale, si trova fuori dal GRA e possiede il litorale”, spiega l’Assessore Cavallari, che aggiunge: "Una maggiore autonomia di gestione sarà preziosa per migliorare i servizi, nessuno meglio degli amministratori locali può sapere quali sono le esigenze e le priorità su cui intervenire".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decentramento amministrativo: più poteri e autonomia ad Ostia

RomaToday è in caricamento