OstiaToday

Vuoi parcheggiare nel tuo garage? Paga il pizzo. L'affare facile per i clan di Ostia

Chi conosce quella zona racconta come ormai è una abitudine pagare soldi che arrivano dai 20 ai 50 euro al mese per parcheggiare in quei posti

Immagine di repertorio di un garage ad Ostai Nuova

"Dipende dal garagista. Se trovi quello buono ti fa pagare 20 euro al mese, altrimenti pure 60". Paola, nome di fantasia di una donna che da anni vive ad Ostia Nuova, lo sa bene. Paga. E come lei lo fanno in molti. Chi abita nei palazzoni delle case comunali, pur avendone diritto, per parcheggiare deve pagare un "pizzo" come quello che i criminali chiedono ai negozi. 

Ma visto che di esercizi commerciali in zona ancora aperti ce ne sono davvero pochi, ci si deve ingegnare. Per ottenere una retta mensile garantita ecco che ci si rivolge a chi lì ci vive e, in qualche modo, dovrà pure parcheggiare la propria auto. A riscuotere il "pizzo" gruppi di persone che farebbero da manovalanza a chi gestisce quel business e quelle piazza di Ostia Nuova. 

"Se non paghi di sfondano l'auto"

Per chi non paga, le conseguenze sono certe come racconta Paola a RomaToday: "Se non paghi, non puoi parcheggiare. Mio marito una volta si è opposto ma in tre lo hanno minacciato e ha dovuto dare 50 euro. Se riesci a parcheggiare senza pagare, ti ritrovi l'auto sfondata o bruciata il giorno dopo". 

Insomma, il sistema è chiaro. Luigi, altro nome inventato per tutelare la privacy di chi non vuole comparire, fermato tra via Mario Ruta e via del Sommergibile in bicicletta racconta: "L'anno scorso ho avuto problemi con il lavoro, faccio l'operaio. Non riuscivo più a pagare i 60 euro al mese per il garage e così un giorno mi sono trovato tutte le ruote bucate. Per andare a lavorare così mi sono dovuto prendere una bici". 

L'entrare fissa garantita per chi gestisce quel business

Le tariffe, secondo quanto ricostruito, sono variabili. Vanno dai 20 fino ai 60 euro al mese nei circa otto garage dei palazzoni del Comune. In ogni box, inoltre, riescono ad entrarci fino a 100 euro. Facendo un calcolo su una media di 40 euro al mese per euro, l'entrare fissa garantita per chi gestisce quel business supera i 30mila euro ogni 30 giorni.

Soldi facili che tutti sono costretti a pagare. Se chiediamo a chi vive lì perché non è stata mai fatta una vera e propria denuncia, la risposta è chiara: per una cifra del genere al mese, meglio star zitti ed evitare problemi. E se proprio non si è d'accordo con quella "pratica" allora è meglio parcheggiare sul vicino lungomare. 

Gli spari nel garage di via Baffigo

Una pratica, quella del "pizzo" nei garage, consolidata negli anni ora ritornata sotto i riflettori dopo il fatto di cronaca avvenuto nella serata di sabato 4 luglio in via Domenico Baffigo. Qui, giunta sul posto, la polizia ha ritrovato 4 bossoli, riconducibili ad una pistola scacciacani. 

Secondo quanto appurato dagli uomini del commissariato di Ostia, quattro giovani sono entrati nei garage condominiali all'aperto. Il custode li avrebbe scoperti, da lì la discussione degenerata fino agli spari che non hanno per fortuna provocato alcun ferito. 

I quattro sono quindi fuggiti, non prima di aver portato via il cellulare dell'uomo: questa la ricostruzione da fonti della Questura. Una segnalazione che, però, potrebbe nascondere un mondo, quello della lotta per gestire quel business fisso garantito e facile, ma anche una base sempre sorvegliata.

Quei garage di Ostia Nuova tra spaccio, riciclaggio e usura

Ma chi ci sarebbe dietro quegli affari? I nomi sono noti e, pronunciarli, ad Ostia Nuova fanno ancora paura, anche dopo gli arresti e i morti. Capofila di quel mondo, secondo le varie ricostruzioni degli inquirenti, sono quelli del gruppo dei Baficchio, nome di spicco della mala del Lido e nemici storici degli Spada. Giovanni Galleoni, il boss 'Baficchio'. ucciso insieme a Francesco Antonini detto 'Sorcanera' nel novembre del 2011 gestiva il racket dei parcheggi di piazza Gasparri e quello dei garage era uno dei suoi business.

Ostia Nuova: cocaina purissima nel garage, parcheggiatore in manette

Oggi a gestirli ci sarebbero gli eredi ma quei garage dei palazzoni popolari, negli corso degl anni, sono stati anche trasformati in luoghi di spaccio e riciclaggio di auto. E non tutti sarebbero sotto un'unica gestione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle ordinanze che colpirono il clan Spada un garage, secondo quanto emerso, fu trasformato in una stanza delle torture. Quei box, insomma, fanno gola. E' possibile quindi che l'episodio di via Baffigo avvenuto lo scorso sabato sera sia riconducile ad una lotta per la gestione di quei garage tanto ambiti e che non si tratti di una semplice rapina? Le forze dell'ordine stanno lavorando per far luce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento