Ostia

Ostia, in corteo tra cori e fumogeni dopo gli scontri di venerdì

Il corteo è stato organizzato per manifestare contro la crisi e per reagire agli scontri di venerdì scorso. Alla manifestazione tanti i cartelli, tra cori e fumogeni

Un corteo per manifestare contro la crisi e per reagire alla maxi rissa scoppiata nella notte tra giovedì e venerdì scorso. Durante la manifestazione ad Ostia alcuni manifestanti hanno attaccato sui muri di piazzale della Posta dei cartelli su cui è scritto "Il silenzio di fronte al fascismo vi rende complici". Il piazzale si trova a poche centinaia di metri dal luogo dove è avvenuto lo scontro tra 'rossi' e 'neri'. Dal corteo è poi partito il coro "Noi siamo antifascisti", seguito da applausi; tra i cartelli portati in piazza dai manifestanti anche uno che recita "Noi colla e pennelli, voi caschi e manganelli". E poi alcuni manifestanti hanno acceso fumogeni rossi.


SINISTRA E LIBERTA' - "Questa giornata è anche la migliore risposta alla violenza squadrista di ieri. Una risposta colorata e pacifica che vuole tenere al centro della discussione i problemi sociali di un territorio come quello di Ostia". Così il consigliere provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà, Gianluca Peciola, che ha preso parte al corteo. "Quella di oggi - ha aggiunto - è una bella e partecipata manifestazione. Il diritto all'acqua come bene comune, il diritto alla casa e al reddito devono entrare nell'agenda politica delle istituzioni locali e nazionali". (Fonte Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostia, in corteo tra cori e fumogeni dopo gli scontri di venerdì

RomaToday è in caricamento