OstiaToday

Ostia: Lungomuro e ordinanza balneare "non rispettata", denuncia per la sindaca Raggi

Il provvedimento è stato presentato dal comitato 'Mare X Tutti'. De Luca (Pd): "Ordinanza balneare disattesa"

Immagine di repertorio

Una denuncia per "omissione d'atti d'ufficio" per la sindaca Virginia Raggi e per la presidente del X Municipio, Giuliana Di Pillo. E' quanto ha presentato il comitato 'Mare X Tutti'. Secondo il gruppo che riunisce le realtà di sinistra di Ostia l'amministrazione, infatti, sarebbe "colpevole" della mancata applicazione dell'ordinanza balneare: troppi muri ancora presenti e, in più, varchi assenti.

"Il Comune – dice Athos De Luca, capogruppo Pd nel X Municipio - ha in mano la forte arma della decadenza delle concessioni per eliminare tutti gli abusi e far rispettare l'ordinanza. La costante azione della magistratura rispetto ai forti interessi malavitosi su litorale di Ostia confermano necessità e urgenza da parte delle istituzioni di esercitare con trasparenza e determinazione tutte le proprie competenze per il rispetto della legge nella gestione di arenili e stabilimenti".

Marco Possanzini, Segretario Sinistra Italiana X Municipio, ha poi aggiunto: "'L'On. Stefano Fassina ha presentato una interrogazione in Consiglio Comunale proprio su questa questione perchè è inaccettabile che sul mare di Roma si continui beatamente ad ignorare le regole. Davanti a delle plateali illegalità reiterate negli anni, la Sindaca Raggi, tranne alcune dichiarazioni spot le così dette "armi di distrazione di massa", apparentemente non si è preoccupata di predisporre tutti i controlli necessari al fine di sanzionare così come prevede la legge vigente tutti quei concessionari che non rispettano l'Ordinanza firmata dalla stessa Sindaca".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo fatto rilievi fotografici a dir poco disarmanti che, come se ce ne fosse ancora bisogno, testimoniamo come il mare di Roma sia tenuto prigioniero da una cortina di cemento impenetrabile persino alla legge vigente. Abbiamo chiesto alla polizia locale di verbalizzare quanto da noi esposto raccogliendo una serie di documenti i quali saranno allegati alla denuncia che abbiamo presentato in Procura e che disegnano un quadro di inadempienze e di illegalità intollerabili. In molte strutture, Ordinanza Balneare alla mano, ci sono talmente tante e tali inadempienze da determinare la decadenza immediata della concessione balneare", ha quindi concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento