rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Ostia Via Marino Fasan

Nuova Ostia, l'ingarbugliata vicenda delle case popolari: 4 palazzine restano a rischio sgombero

Nella giornata di ieri è andata in scena una commissione trasparenza alla quale, seppur invitate, hanno disertato la presidente del X Municipio Di Pillo e l'assessore Vivarelli

A Nuova Ostia continua a tenere banco la questione relativa agli sgomberi delle palazzine popolari di proprietà della Larex, con i residenti che rischiano di essere allontanati dalle case in cui vivono dal 28 luglio, e quelle della Moreno Estate, con i residenti di 41 appartamenti a rischio sgombero dal 12 agosto. Nonostante gli avvisi messi (e fotografati) negli androni dei palazzi, il Campidoglio ha assicurato nei giorni scorsi che non ci sarà nessuno sgombero.

A dirlo, in una nota, è stato l'assessore del Patrimonio e Politiche Abitative del Comune Valentina Vivarelli che, con un post su Facebook, ha voluto rassicurare chi vive in quelle case fatiscenti, diffidando dal credere alle informazioni date dalle opposizioni e, per questo, "si invita a tener conto solo delle comunicazioni ufficiali provenienti da Roma Capitale". Comunicazioni che però ai cittadini non sono giunte dalle opposizioni ma tramite avvisi del tribunale affissi nei palazzi e che, anche ieri durante la Commissione Trasparenza del Comune di Roma, hanno lasciato in sospeso più di un punto.

La questione degli appartamenti della Moreno Estate

I procedimenti, quello della Larex e della Moreno Estate - bisogna sottolinearlo - sono due, distinti e separati. Stando a quanto emerso, per voce del direttore Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative Monica Giampaoli, per i 41 appartamenti ex Armellini e ora Moreno Estate, si sta lavorando ad una soluzione. Finalmente, dopo mesi di silenzio, è stato reso noto che quella abitazioni fatiscenti sono state valutate dall'Agenzia dell'Entrate oltre 87 milioni e 420 mila euro. Una cifra che il Comune di Roma dovrà sborsare per compare quegli immobili, togliersi dalla posizione attuale di fatto abusiva (qui i dettagli), e non sgomberare le famiglie che vivono lì. 

Un acquisto che potrebbe avvenire con la formula del "rent to buy", come detto due anni fa dall'allora assessore alla politiche abitative Rosalba Castiglione. Ora che la valutazione di quegli immobili c'è, il Comune - tramite il Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative - ha fatto sapere che sta valutando il da farsi, quanto offrire alla Moreno Estate per l'acquisto e, appunto, come procedere nelle trattativa. Insomma, una soluzione definitiva ancora non c'è, ma "si stanno valutando alcune soluzioni". Quali, però, non è dato saperlo. 

La case Larex: cosa succede

Più intricata, invece, la situazione dei 4 appartamenti della Larex. Qui, stando a quanto emerso da fonti del Campidoglio, una trattativa non c'è. E qui, vista anche la deadline di fine luglio, le preoccupazioni restano come ha sottolineato anche il sindacato di Unione Inquilini che sottolinea come in Commissione non si sia trovata alcuna soluzione: "Alla seduta mancavano sia l'assessore alle politiche abitative Vivarelli, sia il dirigente del dipartimento. Di fatto nessuna informazione è emersa nell'incontro, il Comune rassicura del fatto che si stanno vagliando varie soluzioni per chi vive nelle case Larex e che gli assegnatari saranno informati per tempo. Abbiamo fatto rimostranza della mancata comunicazione da parte degli uffici, prima che l'atto fosse affisso e di come l'assessore Vivarelli attraverso le sue pagine social avrebbe potuto evitare le tante voci che girano nel quartiere così da colmare le preoccupazioni di chi, scendendo di casa quel mattino, si è ritrovato a leggere l'atto giudiziario. In accordo con il presidente della commissione abbiamo richiesto di poter fare un punto della situazione entro metà luglio con una nuova commissione chiedendo alla parte politica di essere tutta presente così da mostrarci nei dettagli il piano messo in atto da Roma Capitale. Di una cosa siamo certi, nessuno lascerà il suo quartiere".

Sul caso è intervenuto anche il consigliere comunale del Pd Giovanni Zannola: "L'amministrazione ha il dovere di tutelare gli inquilini di Nuova Ostia e nello stesso tempo deve condividere con loro un percorso ed aggiornarli, passo dopo passo visto  anche la complessità delle problematiche, sulle scelte compiute e sul da farsi. Peccato per l'assenza dell'Assessore Vivarelli e del X Municipio. Speriamo che il commissario ad acta definisca a breve il rapporto tra Roma Capitale e Moreno Estate e che l'amministrazione Raggi riesca ad individuare le soluzioni, ad oggi non rappresentate, per risolvere la questione relativa alle 4 palazzine in via Marino Fasan di proprietà della Larex".

tribunale-4

tribunale1-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Ostia, l'ingarbugliata vicenda delle case popolari: 4 palazzine restano a rischio sgombero

RomaToday è in caricamento