OstiaToday

Labur insiste: "All'Infernetto il supermercato della vergogna"

Il laboratorio di urbanistica: "Dal 27 settembre 2013 la Polizia Municipale di Ostia e l'assessore all'Urbanistica del Municipio X, Giacomina Di Salvo, non rispondono ai nostri esposti"

"Dal 27 settembre 2013 la Polizia Municipale di Ostia e l’assessore all’Urbanistica del Municipio X, Giacomina Di Salvo, non rispondono ai nostri esposti (ben due), permettendo di fatto che possa aprire un supermercato all’Infernetto, una delle più pregiate zone residenziali di Roma Capitale, in piena violazione del Codice della Strada e della pianificazione urbanistica". Così Labur, laboratorio di ubranistica del X Municipio, in merivo alla situazione del nuovo centro commerciale (Supermercati Buscaini srl, presenti anche a Vitinia) all’angolo tra via Dobbiaco e via di Castelporziano.

Labur sostiene che di quel supermercato “non risultano domande di passo carrabile neanche ad uso cantiere”. Il supermercato ha aperto e regolarizzare la questione sarà più difficile perché si rischia di creare un danno all’imprenditore. 

Il costo per richiedere l’autorizzazione di un ‘passo carrabile’ è irrisorio, ma per poterlo richiedere va rispettato l’articolo 22 del ‘Nuovo Codice della Strada’: “senza la preventiva autorizzazione dell’ente proprietario della strada non possono essere stabiliti nuovi accessi e nuove diramazioni dalla strada ai fondi o fabbricati laterali, né nuovi innesti di strade soggette a uso pubblico o privato“. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Applicando leggi e regolamenti, quel supermercato, per noi, non è in regola. Aspettavamo delle risposte a conferma della nostra tesi. Abbiamo fatto esposti, non denunce. Ora, visto il silenzio, ricorreremo allo strumento dell’Accesso Civico, previsto dall’articolo 5 del Decreto legislativo n.33 del 14 marzo 2013 e valuteremo dalla documentazione se ci siano stati reati penali dei pubblici ufficiali contro la Pubblica Amministrazione. E questa volta partono le denunce". Conclude Labur.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento