rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Infernetto

Castelfusano: fine della paura, catturato il serpente a sonagli

L'esemplare, lungo circa 140 centimetri, è stato trovato a un centinaio di metri dall'area in cui i Forestali lo avevano individuato per la prima volta, ovvero tra via di Villa Plinio e via Cristoforo Colombo

Hanno dato gli esiti sperati le serrate ricerche del corpo forestale dello Stato nella Pineta di Castelfusano dove ieri è stato ritrovato il serpente a sonagli che aveva creato il panico in tutto il comprensorio di Ostia.

L'esemplare, lungo circa 140 centimetri, è stato trovato a un centinaio di metri dall'area in cui i Forestali lo avevano individuato per la prima volta, ovvero tra via di Villa Plinio e via Cristoforo Colombo.

Sono stati gli agenti specializzati del Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato a eseguire la cattura. Una volta scovato, l'animale si è messo in posizione di difesa, ma è stato sufficiente usare gli strumenti in dotazione al personale specializzato per catturarlo, senza abbatterlo o ricorrere all'uso di narcotici.

Il presidente del XIII municipio, Giacomo Vizzani, si è congratulato con il corpo forestale dello stato.

Prende spunto dal ritrovamento del serpente a sonagli per rilanciare l'allarme sull'abbandono della pineta di Castelfusano il consigliere dell'Unione di Centro al Comune di Roma Alessandro Onorato: “Riteniamo utile e doveroso che l’amministrazione comunale si faccia effettivamente carico della gestione sostenibile e della valorizzazione dell’intero parco e per questo motivo nel prossimo bilancio comunale chiederemo l’istituzione di una specifica voce di bilancio per garantire in misura sistematica le risorse necessarie alla manutenzione, alla sorveglianza antincendio e alla bonifica. Risorse fino ad oggi rese disponibili solo in misura estemporanea e per offrire risposte ad emergenze conclamate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfusano: fine della paura, catturato il serpente a sonagli

RomaToday è in caricamento