OstiaToday

Elezioni Ostia, Don Franco prepara la sua prima campagna elettorale

"Sono oltre 20 anni - spiega il candidato di Laboratorio Civico - che calpesto le strade del X Municipio"

Continua il countdown in vista del 5 novembre, data delle prossime elezioni nel X Municipio. Ad Ostia, la novità, è rappresentata da Franco De Donno, già vice parroco della Parrocchia di Santa Monica ad Ostia e candidato presidente del parlamentino lidense con la lista Laboratorio Civico X, e ormai già politicamente attraverso i suoi account social.

"Sono Francesco ma tutti mi conoscono come Franco - esordisce il candidato presidente sulla sua pagina Facebook - Sono oltre 20 anni che calpesto le strade di questo Municipio, consumando le suole delle mie scarpe, per toccare con mano i problemi, per incontrare volti, per ascoltare le storie delle persone, per raccogliere le istanze di chi vorrebbe una risposta dall’amministrazione di prossimità".

Il filo rosso che lega il racconto che De Donno fa delle attività da lui svolte nel sociale, nel volontariato e nell'associazionismo antimafia è l'amore che da sempre afferma di nutrire per il territorio che da molto tempo gira in lungo e in largo.  

Riguardo la sua scelta di "scendere in campo", le ragioni che l'hanno spinto ad abbandonare temporaneamente il suo incarico pastorale, De Donno si dice: "Pronto a mettermi ancora in gioco e a disposizione della comunità a cui voglio bene, per i cittadini che hanno condiviso anche solo un pezzo di strada con me in questi anni".

Il candidato minisindaco non risparmia però un pensiero ai suoi avversari: "Scelgo di candidarmi alla presidenza del Municipio con un'impronta civica. Spiace deludere i miei detrattori ma Franco De Donno non è il candidato di un partito, che sia di centrodestra o di centrosinistra. Mi candido a presidente con la ferma volontà di mantenere il mio percorso da civico. La lista Laboratorio Civico X che mi sostiene è apartitica ma non antipartitica. Rispettiamo il ruolo delle formazioni politiche in campo ma noi manteniamo la barra dritta su determinati princìpi".

Questo, secondo De Donno, è l'unico modo per dare seguito al suo attivismo sul territorio. "Avremo - spiega - le mani e la mente libera per poter parlare a viso aperto con i cittadini che, insieme ai candidati che mi supportano, continueremo a incontrare in queste settimane".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui la scelta dello slogan, "A testa alta", che contraddistinguerà la sua intera campagna: "E' un invito a tutti quei cittadini che pensano di non poter immaginare un Municipio migliore, a tutti quelli che hanno un'irrefrenabile voglia di migliorare il proprio quartiere con idee e progetti innovativi. E' un modo per affermare che questo territorio merita una guida e una squadra coraggiosa che sappia guardare al futuro con speranza e ottimismo. Senza paura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento