Domenica, 26 Settembre 2021
Ostia Ostia / Viale Vega

Ostia, sciopero della fame dei pazienti del Cpo. La Regione: "Il presidio non chiuderà"

Giornata di passione ieri ad Ostia dove i mielolesi del centro, che rischia l'ennesimo stop per mancanza di personale, hanno manifestato invadendo viale Vega

Situzione sempre più delicata al Centro Paraplegici Ostia. I pazienti, ieri, hanno inscenato una protesta invadendo parte di viale Vega. Alcuni si sono anche incatenati, mentre altri hanno occupato con le loro sedie a rotelle i piani della struttura. La protesta nasce da lontano e si indirizza contro i tagli del personale che lavora nella struttura.

Ad alzare la voce, tra tutti, è Giacomo Percoco dell'Associazione Mielolesi Ostia: "Dopo la chiusura di un altro piano avvenuta circa due anni fa, ora si vuole depotenziare ulteriormente la struttura con ulteriori tagli di posti letto. Di fatto, di quattro piani di degenza ne rimarrà solo uno in funzione. Nonostante le molte richieste di ricovero. Il punto è che il 'lento e inesorabile depotenziamento' farebbe pensare ad una chiusura totale. Ma questa volta, stanchi di essere presi in giro. Siamo pronti anche allo sciopero della fame".

A supportare la protesta, ieri, anche alcuni militanti di CasaPound: "E' ’ inammissibile che un ospedale come il CPO sia privato di fondi e di personale. Ancora una volta le istituzioni sono state latitanti e nessuno dalla Regione è venuto per cercare di risolvere il problema ed ascoltare i cittadini che lavorano e usufruiscono della struttura". 

I dirigenti Asl hanno poi incontrato una delegazione dei pazienti del Cpo assicurando che "Non c'è alcuna volontà di smantellare la struttura e che anzi c'è un progetto di potenziamento".

Una soluzione confermata anche dalla Regione Lazio in una nota: "Con il decreto 171 del 17 maggio 2016 sono infatti già state assegnate le deroghe alla Asl Roma 3. L'azienda sanitaria sta procedendo al reclutamento del personale secondo la normativa prevista dalla legge. La Regione Lazio intende monitorare affinché questo avvenga nel più breve tempo possibile".

Mercoledì i dirigenti della Asl incontreranno i degenti per mostrare loro i documenti riguardanti la volontà di proseguire nella crescita del Centro Paraplegici Ostia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ostia, sciopero della fame dei pazienti del Cpo. La Regione: "Il presidio non chiuderà"

RomaToday è in caricamento