Ostia Ostia

Cinema America a Ostia: pace fatta con Cineland, accordo per evitare maxi risarcimento

Era stato Giuseppe Ciotoli, patron di Cineland, a tuonare contro le proiezioni dei ragazzi del Piccolo Cinema America

La maxi richiesta di risarcimento danni da un milione di euro è stata messa in ghiaccio. Tra Cinema America e Cineland è scoppiata la pace. L'accordo è arrivato con una stretta di mano tra Valerio Carocci, organizzatore della rassegna cinematografica, e l'imprenditore Giuseppe Ciotoli. I due si sono incontrati gettando le basi per la prossima estate dove, ad Ostia, andranno in scena 26 spettacoli, dal 22 giugno al 27 luglio. Prevista anche una retrospettiva su Sofia Loren.

Di fatto le due realtà si impegnano a collaborare nella promozione reciproca delle loro iniziative. "Abbiamo confermato il palcoscenico di Ostia anche per la prossima stagione, con mille sedute il maxi schermo di 12×8 metri e il proiettore digital 2k", sottoline Carocci a RomaToday spiegando i dettagli dell'accordo: "Il Cinema America si impegna a proiettare prima dei suoi spettacoli spot sul Cineland, a distribuire volantini sulla programmazione dello stesso e a promuovere le iniziative del multisala di Ostia sui social. Proietteremo solo film presenti su piattaforme televisive e streaming, o le retrospettive uscite prima del 2018".

Il Cineland, dal canto suo, distribuirà volantini e farà promozione per le iniziative del Cinema America al Porto. E' la prima volta che c'è un intesa tra sale e arene estive. "Così sfatiamo ufficialmente la questione della concorrenza tra arene gratuite e sale a pagamento". Solamente l'anno scorso, però, Ciotoli aveva parlato di "concorrenza sleale" minacciando una maxi richiesta di risarcimento da un milione di euro. Non se ne fece più nulla. Ora l'accordo nell'interesse di tuti. 
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema America a Ostia: pace fatta con Cineland, accordo per evitare maxi risarcimento

RomaToday è in caricamento