OstiaToday

Ostia, Zingaretti inaugura centro dialisi: "No a smantellamento del Grassi"

Dopo la raccolta di firme fra i cittadini e proteste dei sindacati contro il trasferimento del laboratorio al San Camillo il giovernatore del Lazio spiega: "Non smantelliamo ma ricostruiamo"

Un nuovo centro dialisi al Centro Paraplegici 'Gennaro De Rosa' di Ostia e la "verità" sulla situazione riguardante il laboratorio analisi del Grassi. Nicola Zingaretti ieri si è presentato nel X Municipio lanciando spunti sul profilo sanitario del litorale. Nel suo "tuor della salute", il governatore della Regione Lazio ha spiegato la situazione dell'ospedale Grassi, al centro delle polemiche per la questione riguardante il laboratorio analisi.

Al nosocomio di via Gian Carlo Passeroni rimarrebbero, oltre ai prelievi, infatti solo le analisi dei risultati per le emergenze del pronto soccorso e per i degenti, mentre gli altri esami saranno fatti all'ospedale San Camillo di Roma. Un trasferimento che ha fatto scattare una raccolta firme per dire "no allo smantellamento del Grassi".

"Noi non chiudiamo i reparti del Grassi ma ricostruiamo. La lavorazione del sangue risponde a dei criteri scientifici che puntano a fare lavorazione su masse che rendono più di qualità gli esiti", ha spiegato il presidente della Regione Lazio, a margine del sopralluogo al nuovo Centro dialisi del Cpo di Ostia.

I sindacati Cgil, Cisl, Uil e Cobas, parlando di "ennesima manovra lacrime e sangue", ma Zingaretti rispinge al mittente le accuse: "La prossima settimana abbiamo programmato degli incontri per spiegare e ragionare. Ma la fase della distruzione e delle chiusure è finita. Al Grassi si sono investiti per la prima volta dopo dieci anni 2,1 milioni, si stanno assumendo i primari e quindi la parola smantellare non fa parte di questa stagione. Casomai si parla di riorganizzare, reinvestire e aumentare la qualità dei servizi per i cittadini e gli operatori".

Oltre la questione Grassi c'è stato poi il taglio del nastro del nuovo centro dialisi del Cpo. La nuova struttura si trova all'interno della struttura di viale Vega e assiste 50 pazienti in dialisi cronica ambulatoriale, con la previsione di erogare circa 7500 prestazioni dialitiche annue. Per garantire il suo funzionamento, la Regione Lazio ha approvato le deroghe all'assunzione di 10 infermieri, 3 ausiliari e 5 medici.


Tutti i posti dialisi sono connessi con una rete informatica: le strutture cooperano. La rete collega i tre presidi ospedalieri (Grassi, Cpo, Di Liegro), gli ambulatori territoriali, e i pazienti che effettuano la dialisi in queste strutture, con la possibilità di scaricare online i dati su ogni specifica cartella clinica nefrologica.

"Va avanti il percorso della Regione per ricostruire un sistema più solido e più efficiente di servizi e strutture con nuovi punti di riferimento, nuovo personale e investimenti sulle strutture e sulla tecnologia. Un centro come questo si occupa di persone con bisogni complessi, come i pazienti paraplegici, dando loro una risposta sanitaria di qualità e percorsi individuali di assistenza e di riabilitazione", commentano da via della Pisana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento