rotate-mobile
Casal palocco Casal Palocco / Via dei Pescatori

Oltre 100 pini da tagliare in una sola strada. La protesta dei cittadini

L'annuncio dei 104 pini da abbattere ha scatenato le proteste. Chiesta la perizia agronomica che da il via libera ai tagli

La notizia del taglio di 104 pini su via dei Pescatori, annunciata dal municipio X, non ha lasciato indifferente i residenti. Alle proteste che si sono scatenate in rete, subito dopo l’annuncio dell’intervento, è seguito anche un flash mob organizzato ad Ostia da quanti contestano questa iniziativa.

L'annuncio dei tagli e le sostituzioni promesse 

Gli alberi che sono destinati al taglio, aveva annunciato l’assessora municipale al verde Valentina Prodon, sono “quasi tutti già uccisi dalla cocciniglia tartaruga, nel tratto compreso tra Via di Macchia Saponara a Via di Castelfusano”. Una condizione che, aveva spiegato l’assessora, è stata accompagnata da una perizia agronomica sui 104 alberi da tagliare. A fronte dei tagli, sono previste delle sostituzioni ed al riguardo il municipio ha promesso due cose: la convocazione di un apposito tavolo tecnico, per studiare le modalità con cui effettuarle e la richiesta di appositi stanziamenti per la messa a dimora degli alberi.

Dossier - Mille alberi abbattuti all'anno: così cambia il clima della Capitale

L'intervento dell'opposizione

Sulla vicenda è intervenuta anche l’opposizione. “Ho presentato un’interrogazione a risposta scritta, con la quale chiedere di vedere la perizia agronomi a e la complessiva valutazione tecnica, come da regolamento comunale sul verde pubblico e privato. Inoltre– ha dichiarato Andrea Bozzi, il capogruppo della lista Calenda in municipio X – ho richiesto anche di convocare una commissione congiunta cui invitare anche le associazioni dei cittadini interessati, tra cui Italia Nostra”.

L'azione della cocciniglia tartaruga

I pini che stanno per essere abbattuti, stando alle informazioni diffuse dall’amministrazione municipale, sono stati colpiti dalla parassita alieno che, dal 2018, ha cominciato a dilagare anche nella Capitale. Poiché la cocciniglia tartaruga è un insetto non presente in Italia, è stato necessario individuare un trattamento adeguato e, di conseguenza, disporre d’un regolamento fitosanitario regionale che ne contemplasse la cura. Nel tempo impiegato per sopperire a queste pratiche amministrative, la cocciniglia è dilagata. E gli alberi che ne erano stati colpiti per primi, situati nel quadrante sud della Capitale, ne hanno pagato le conseguenze.

Dossier - I pini di Roma: "la vita non li spezza" solo se interviene il comune

Le proteste e le risposte attese dai cittadini

Per i cittadini che si sono mobilitati in difesa dei pini di Castelfusano, però, non tutti gli alberi che si vuole tagliare sono ormai morti.  “Ho notato che molti pini che si vogliono abbattere si potrebbero salvare perché verdi e in buono stato come quelli che non verranno abbattuti” ha commentato Anna Catalani che, con il Comitato per “salviamo il parco di Procoio”, ha preso parte al flash mob in difesa dei pini. La risposta all’interrogazione presentata in consiglio municipale, sarà utile proprio a dissipare i dubbi. Ma dovrà arrivare prima dell’avvio delle motoseghe. 

“Se non avrò risposte farò accesso agli atti - ha annunciato il capogruppo della lista Calenda - ma spero che la maggioranza voglia chiarire quanto prima, anche con una Commissione aperta a tutti”. Potrebbe, quest'ultima, rivelarsi utile anche per comprendere quali sono i tempi previsti per le sostituzioni promesse.

Pini attenzionati anche fuori dal municipio

La questione dei pini da salvare, travalica i confini municipali, al punto da interessare anche consiglieri di altri territorio. “La preoccupazione circa la possibile caduta degli alberi è legittima ma è vitale per la salute di tutti i cittadini e le cittadine che la qualità dell’aria sia garantita. È quindi indispensabile fare il possibile per tutelare e curare i filari storici come quello di Casal Palocco” ha commentato anche la consigliera del municipio V Eva Vittoria Cammerino (Roma Furura), all'indomani di un sopralluogo effettuato in via dei Pescatori. Cammerino si è detta convinta del fatto che “si debba fare tutto quello che è in nostro potere per salvare anche solo alcuni di questi 104, perché alcuni sono ancora verdi”.

Inoltre, Cammerino ha dichiarato di essere ancora  "in attesa delle risposte chieste al dipartimento del verde in merito alle tempistiche di somministrazione endoterapica per chiedere se sia possibile valutare l’efficacia della terapia. E’ noto infatti che c’è un tempo di attesa che deve intercorrere tra la somministrazione della cura e la decisione dell’abbattimento per valutare se la cura abbia o meno fatto effetto" . E quindi si tratta di capire anche quando, questi pini da tagliare, siano effettivamente  stati curati. 

Pini colpiti dalla cocciniglia in via dei Pescatori


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 100 pini da tagliare in una sola strada. La protesta dei cittadini

RomaToday è in caricamento