Ostia

Appello: serve sangue per il piccolo Leo Di Ceglie

Il piccolo guerriero di 12 anni a breve sarà sottoposto ad un complesso e delicatissimo intervento che potrebbe protrarsi anche per una giornata intera ma che lo farà guarire

Serve sangue per il piccolo Leonardo Di Ceglie, un bambino di 12 anni che con a sua battaglia sta scuotendo fortemente l’opinione pubblica. Ad aprile 2015, a Leo viene diagnosticato il Sarcoma di Ewing, un tumore raro delle ossa e a breve sarà sottoposto ad un complesso e delicatissimo intervento che potrebbe protrarsi anche per una giornata intera ma che lo farà guarire. 

Per questa ragione c'è bisogno urgente di molto sangue, preferibilmente 0 negativo, il gruppo sanguigno di Leo. A lanciare il messaggio è Francesco Paolo Russo, segretario regionale Sap – Sindacato autonomo polizia e presidente Acah.

Si consiglia di seguire le indicazioni e recarsi presso il Centro Trasfusionale - Area Donazioni dell'ospedale Regina Elena di Roma (zona Eur Mostacciano) dal lunedì al sabato, dalle ore 8.00 alle 11.30, a digiuno. Quando donerete dovete dichiarare che la donazione si sta effettuando a favore del piccolo paziente Leonardo Di Ceglie, nato a Roma il 24 febbraio 2004 e residente a Ciampino, in cura presso il Bambino Gesù di Roma, reparto di oncoematologia, e anche presso il Regina Elena. 

In alternativa si donare presso qualsiasi centro trasfusionale su tutto il territorio nazionale, specificando sempre in modo dettagliato che la vostra donazione è in favore di Leonardo Di Ceglie, nato a Roma il 24 febbraio 2004 e residente a Ciampino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appello: serve sangue per il piccolo Leo Di Ceglie

RomaToday è in caricamento