Ostia Ostia

Comitato Civico 2013: "No alle frecce tricolori il 3 giugno"

4 mila euro ogni ora di volo, 7 velivoli impiegati. Se la parata del 2 giugno deve essere 'sobria', lo sia anche l'Air Show, manifestazione privata

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Tutti contro la parata del 2 giugno, nessuno che parli invece delle Frecce Tricolori all'Air Show previsto ad Ostia il 3 giugno. Scandalosa la posizione degli organizzatori e del XIII Municipio, insensibili alla gravità del momento e allo spirito di solidarietà verso le popolazioni colpite dal terremoto. Se la parata del 2 giugno è comunque legata alla Festa della Repubblica, cosa significa far venire la pattuglia delle Frecce Tricolori ad Ostia, per una manifestazione 'privata'? E' questo il senso di solidarietà che esprime Ostia ? E' ora di dire basta a questo ennesimo episodio in cui Ostia viene confusa con l'immagine godereccia di un popolo italiano dedito a soddisfare i propri piaceri piuttosto che a rimboccarsi le maniche e a fare sacrifici.

Ricordiamo che solo alcuni giorni fa, con un decreto legge, Monti ha stabilito che il Governo non deve risarcire chi subisce danni da calamità naturali, ma questi ultimi, dovranno provvedere con assicurazioni private. Chi glielo spiegherà ai terremotati? Non tutti sanno che la tanto amata Pattuglia Acrobatica Nazionale, ha un costo relativo alle spese vive tra carburante e manutenzione, di 8 milioni annui (2 mila ore di volo a 4mila euro di costo ognuna). Rinunciare al passaggio dell'Air Show significa rispettare il grave momento che l'Italia sta vivendo. Se la parata del 2 giugno deve essere 'sobria', lo sia a maggior ragione anche l'Air Show.

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comitato Civico 2013: "No alle frecce tricolori il 3 giugno"

RomaToday è in caricamento