OstiaToday

Acilia: anche Striscia la Notizia s'interessa del Punto Verde Qualità della Madonnetta

Le telecamere di Striscia la Notizia riprendono lo stato in cui versa il Punto Verde Qualità della Madonnetta. Ghione: "Lanciamo un appello al Comune affinchè faccia luce su questa vicenda"

Una tensostruttura ridotta a brandelli. Campi da calcetto invasi dalle erbacce. Una segreteria vandalizzata. Jimmy Ghione, inviato di Striscia La Notizia, è andato a visitare l’ex Punto Verde Qualità Ciabocco, ad Acilia. E davanti alle telecamere di Canale Cinque ha mostrato la devastazione cui è ridotto il Parco della Madonnetta e l'annesso circolo sportivo.

LA SITUAZIONE DEL PUNTO VERDE - “Era una struttura bellissima ma questo centro sportivo purtroppo è ora chiuso” premette Ghione, prima di dare la parola all’ex concessionario. “Il Comune aveva l’obbligo di tutelare il mio bacino d’utenza - ricorda Andrea Ciabocco - e non avrebbe dovuto far costruire altri centri sportivi. Cosa che non è accaduta, soprattutto in concomitanza con i mondiali di nuoto". Con l'arrivo della nuova concorrenza, sono diminuite le iscrizioni "e noi non ce l’abbiamo più fatta a pagare il mutuo" spiega Ciabocco.  Anche per questo "dal 2008 stiamo chiedendo un riequilibrio del piano economico finanziario”. Senza successo.

LA DEVASTAZIONE - Durante i tre minuti del servizio, l’inviato di Striscia la Notizia ha mostrato la devastazione dilagata in tutto il circolo sportivo della Madonnetta. “Qui c’era una piscina adibita alla riabilitazione degli amici diversamente abili e guardate ora com’è ridotta” fa notare Ghione, mostrando una struttura ormai del tutto fatiscente. Il tour prosegue nelle palestre e nella “bellissima tensostruttura” con la copertura ormai stracciata. L'inviato di Striscia fa inoltre notare i danni subiti dalla segreteria “dove si divertono i vandali” e nei vari locali, dove il parquet è stato divelto, i cavi elettrici derubati ed in generale tutto è stato saccheggiato.

UN DUPLICE FALLIMENTO - I danni per il Comune, che aveva garantito per il 95% i prestiti ottenuti dalle banche, sono enormi. Ed ovviamente anche per l'ex concessionario, che aveva investito nel progetto milioni di euro. “Lanciamo un appello all’amministrazione comunale – conclude il servizio Jimmy Ghione – chiedendo di far luce su tutto questo”. Poi, servirà anche trovare una soluzione per riqualificare quest'enorme bene comunale. E sarà quindi necessario spendere altri soldi. A giudicare dalle immagini, tanti soldi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento