NomentanoToday

San Lorenzo, via degli Ausoni e la folle movida: "Basta con risse e gare di vomito"

I residenti della via non ne possono più e hanno espresso tutta la loro rabbia con striscioni appesi alle finestre: "Fate silenzio, lasciateci sognare"

Via degli Ausoni

Dopo anni di caos, risse, dicariche a cielo aperto e "gare di vomito", i residenti di via degli Ausoni, nel quartiere San Lorenzo, sono arrivati al limite. Basta con "notti rumorose come i bombardamenti del '43" e "saracinesche dei venditori di alcolici che rimangono mezze chiuse e mezze aperte fino all’alba". Il disagio e la rabbia dei cittadini stretti nella morsa di una movida devastante si sono trasformati in striscioni appesi alle finestre delle case, l'ultimo appello per chiedere di cambiare. 

Dai più ironici - “Non è la facoltà di Vomitologia”, “Tira fuori quello che hai dentro, ma non qui” - ai più disperati, “fate silenzio, lasciateci sognare”. Sì, perché a quanto pare in via degli Ausoni nessuno dorme più. "Va bene un quartiere legato alla vita universitaria, ma in modo diverso - scrivono i cittadini a mezzo stampa - il quartiere delle librerie, delle biblioteche, delle ludoteche, dei piccoli teatri, dei veri centri culturali, di luoghi di scambio di saperi, di corsi linguistici, artistici, di laboratori, così da poter offrire possibilità diverse ai tantissimi studenti che vivono, ma fanno vivere male, san Lorenzo".

Gli stessi cittadini si augurano "la collaborazione proprio degli studenti, degli esercenti che evidentemente trasgrediscono gli orari di apertura e le modalità di vendita a loro concessi dalla legge". Ma anche quella delle forze dell’ordine che “a via degli ausoni non entrano”, come rispondono ormai con un mantra a chi le invoca disperato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chiediamo collaborazione -continuano nella nota - anche alle istituzioni locali, al presidente Gerace e al Sindaco Marino, che attraverso i suoi uffici di relazioni col pubblico ringrazia continuamente delle segnalazioni, ma mai s’interessa realmente a questa strada storica, di un quartiere storico, che sembra sempre più essere vittima di uno specifico disegno politico di ghettizzazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento