NomentanoToday

Casa, movimenti in municipio: "Raggi si metta contro l'art.5"

Il Presidente Francesca Del Bello e l'Assessore Municipale Rosario Fabiano hanno incontrato giovedì scorso gli attivisti dei Movimenti. La protesta contro l'art.5 che impedisce di ottenere la residenza

La protesta fuori dalla sede del II municipio (foto Twitter Coord. Lotta Casa)

"Siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità”. Il Presidente Francesca Del Bello e l’Assessore Municipale Rosario Fabiano hanno incontrato giovedì scorso gli attivisti dei Movimenti per il diritto all'abitare che per protesta hanno occupato una serie di municipi. Anche da via Dire Daua "hanno preso atto della situazione di grave indigenza in cui versano gli occupanti degli stabili presenti sul territorio del II Municipio, in viale del Policlinico, in viale delle Province e in Corso d’Italia" si legge in una nota. "Il problema è il divieto, scaturito  dall’articolo 5 del decreto n° 47 del Consiglio dei Ministri del 28 marzo 2014, di rilasciare certificati di residenza da parte del Comune a coloro che vivono in un alloggio occupato".
 
Commentano così la presidente Del Bello e l'assessore Fabiano: “Al mancato rilascio del certificato di residenza consegue la privazione di ogni diritto per bambini, adulti e anziani che vivono stabilmente nel nostro territorio e che non possono essere considerati cittadini di serie B. Riteniamo imprescindibile  il diritto di ogni persona a scegliere il luogo dove vivere e ribadiamo con forza il concetto contenuto nella dichiarazione dei diritti umani dell’Onu che per cui ‘nessun individuo può essere arbitrariamente privato della sua cittadinanza, né del diritto di mutare cittadinanza’" si legge nella nota.
 
Poi un appello a Raggi: "Auspichiamo che venga seriamente presa in considerazione la cancellazione del citato articolo 5 e che il Sindaco di Roma si faccia carico di questa grave violazione dei diritti umani e che voglia, con buona volontà e determinazione, affrontare, con le autorità competenti, questo gravissimo stato di cose" continua. "Dal canto nostro incontreremo la prossima settimana una delegazione degli occupanti degli stabili del Municipio con i quali, per quanto di nostra competenza, inizieremo un percorso di solidarietà facendoci carico delle fragilità e dei disagi dovuti alla mancanza dei più elementari diritti: dall’accesso all’istruzione a quello alle cure sanitarie dalla possibilità di avere un contratto di lavoro a quella di esprimere il proprio voto alle elezioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento