rotate-mobile
Nomentano Salario / Corso Trieste

Corso Trieste, saranno tagliati 13 alberi: chiusure e modifiche alla viabilità

Dal 17 maggio partono gli abbattimenti già concordati con i residenti. Ass. Rino Fabiano: "Ai cittadini chiediamo di limitare il ricorso alle auto"

Chiusure, deviazioni, divieti di sosta. A partire del 17 maggio corso Trieste e le strade attigue conosceranno una serie di modifiche alla viabilità.

Come cambia la viabilità

Le modifiche, per ora comunicate, riguardano divieti di transito e l’adozione dei divieti di sosta per ventiquatt’ore al giorno su tutta la sede stradale in piazza Annibaliano, piazza Istria, piazza Trento, piazza Trasimeno ed ovviamente Corso Trieste. 

Per quanto riguarda invece i divieti di transito, quelli per ora istituiti, valgono dal 17 al 21 maggio ed anche lunedì 24 maggio. E restano in vigore nella fascia oraria compresa  tra le 7.30 e le 16.30. Riguardano Corso Trieste (nei due sensi di marcia tra via Chiana e Piazza Trento) e piazza Trasimeno. Sono inoltre previste, nello stesso periodo, deviazioni e divieti di circolazione, più limitati,  anche per via Corsica, via Trau, via Sebenico, via Trento, via Adige e via Clitunno

Le operazioni, ha spiegato l’assessore del Municipio II Rino Fabiano, oltre agli abbattimenti riguardano anche interventi di rimonda del secco. “I lavori dureranno un mese e mezzo e ci saranno anche deviazioni e chiusura, ovviamente comunicate per tempo - ha spiegato l’assessore municipale - Gli interventi partiranno da piazza Annibaliano a salire. Ai cittadini chiedono, se possibile, di evitare la percorrenza di quelle strade”.

Gli alberi di Corso Trieste

Gli alberi di Corso Trieste rappresentano un patrimonio forestale di tutta la città. Lo ripetono da oltre un anno i residenti, preoccupati dalla possibilità di rinunciare ai loro pini. Dal 17 maggio dovranno inevitabilmente fare a meno di alcuni di loro. L’operazione però, a differenza di quanto avviene nel resto della capitale, non sarà condita dalla proteste dei cittadini.

Una vittoria dei residenti

“Eravamo informati del taglio di questi 13 esemplari, tra cui 9 pini. E diciamo che ci sentiamo anche un po’ gratificati per come sono andate le cose perchè avevamo chiesto trasparenza e controlli approfonditi dello stato degli alberi, e li abbiamo ottenuti” ha spiegato Emanuela Migheli, del comitato Salviamo i Pini di Corso Trieste.

Gli alberi che si abbatteranno, 9 pini e 4 cercis, “sono stati censiti dalla commissione tecnica comunale, che ha consegnato una relazione tecnica, che è pubblica  - ha spiegato l’assessore municipale all’Ambiente Rino Fabiano -  sono gli alberi secchi, in alcuni casi senza un’adeguato apparato radciale, malati e pericolanti. Ogni albero che sarà tagliato dispone di un’apposita relazione tecnica” ed era quello che chiedavano i cittadini.

Salvati i pini di Corso Trieste

“A gennaio del 2020 avevamo appreso dai giornali che 181 alberi di Corso Trieste erano a rischio. Abbiamo chiesto informazioni ed è emerso che erano state eseguite soltanto dei monitoraggi visivi” ha spiegato Emanuela Migheli. La gran parte di quegli alberi, minacciati dalle motoseghe, erano poi dei pini romani. Simbolo della città e patrimonio del quartiere. Per il Campidoglio, come venne spiegato nel corso di un'apposita commissione, quelli a rischio taglio erano una sessantina.

A fronte delle intenzioni del comune, i cittadini hanno chiesto di effettuare controlli più appurati. Sono state eseguite  analisi strumentali e sono state eseguite prove di trazione per verificare l'inclinazione delle zolle sotto l'azione del vento. Quelli che saranno tagliati, quindi, sono i pini e gli alberi di giuda (Cercis) giudicati irrimediabilmente insicuri. 

Un esempio da seguire 

Il taglio degli alberi, quindi, non sarà traumatico per il quartiere. Un risultato che è stato ottenuto attraverso il confronto con gli abitanti. “Il caso di Corso Trieste dimostra che è possibile seguire un modello d’intervento che non è certo quello che è avvenuto a Villa Glori -ha sottolineato - il Comune dovrebbe pertanto trarne esempio ed adeguarsi”. Ma il lavoro non è terminato. “Ora ci aspettiamo la sostituzione degli alberi, come previsto dal regolamento di Roma Capitale, con essenze arboree della stessa specie - ha rimarcato Migheli - E dovranno avere garanzia di attecchimento”. L’asticella si è alzata. Una buona notizia per il patrimonio forestale dell’intera città.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corso Trieste, saranno tagliati 13 alberi: chiusure e modifiche alla viabilità

RomaToday è in caricamento