menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Como, dopo quindici anni attesa finita: posata la prima pietra per il centro sportivo

Al via il cantiere per la realizzazione dell'impianto bloccato da ritardi, battaglie giudiziarie e ritrovamenti archeologici. Il Municipio II ne chiede gestione: "Finalmente ha vinto interesse pubblico"

Dopo quindici anni attesa finita: sono iniziati i lavori per la realizzazione dell’impianto sportivo di via Como. Per lungo tempo una delle tante opere “fantasma” della Capitale, ferita profonda nel cuore del quartiere Italia. 

Il centro sportivo di via Como “fantasma” dal 2006

Una vicenda annosa e ingarbugliata. Era infatti il 2006 quando il Comune di Roma, allora governato dal sindaco Veltroni, acquisì un’area privata, quella di uno storico circolo del tennis, dove collocò un intervento del Piano Urbano Parcheggi. Tre anni per la costruzione dei box interrati dati in concessione per 90 anni al privato in cambio degli oneri da utilizzare per la realizzazione di un centro sportivo sovrastante ad uso della cittadinanza. Tra rinvii, battaglie giudiziarie e ritrovamente archeologici, un nulla di fatto fino al novembre del 2019 quando la conferenza dei servizi ha dato il parere favorevole al progetto definitivo per la sistemazione della superficie rimasta per lungo tempo una spianata di cemento orrida e degradata. Un anno dopo il via libera della Giunta Capitolina. Così per il centro sportivo di via Como è arrivata l’agognata posa della prima pietra. 

Via Como: il progetto del centro sportivo

Il progetto prevede quattro nuovi campi da tennis, la ristrutturazione della Club House e degli spogliatoi presenti all’angolo tra via Pavia e via Imperia, aree verdi attrezzate per famiglie e bambini, oltre alla recinzione esterna del centro sportivo con il risanamento dei marciapiedi. Nell'ambito dei lavori sono previste anche opere edili del Museo Ipogeo. I lavori dureranno nove mesi. 

“Finalmente questo spazio così importante per il quartiere potrà rinascere ed essere restituito ai cittadini, giovani, famiglie e bambini che avranno a disposizione un nuovo impianto sportivo e aree verdi dove ritrovarsi. E' un bel risultato che abbiamo ottenuto grazie al lavoro di squadra con dipartimenti e uffici per sbloccare un iter amministrativo fermo da anni” - ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi.  “L'avvio di questi lavori è una vittoria per tutti i cittadini. Abbiamo portato a termine un percorso lungo e complesso per ridare al quartiere il tanto atteso centro sportivo. Ricordo, inoltre, che il cantiere - ha aggiunto il vicesindaco con delega alla Città in Movimento, Pietro Calabrese - non comporterà oneri aggiuntivi per l'amministrazione”. 

Il Municipio II chiede la gestione di via Como

Dopo una continua interlocuzione con il Comune e una lunga serie di atti amministrativi per giungere alla svolta, ora il Municipio II chiede la possibilità di gestione del centro sportivo. La delibera nata dalla memoria di Giunta del Secondo sarà discussa nei prossimi giorni in Aula Giulio Cesare.

Via Como, posata la prima pietra: “Ha vinto interesse pubblico"

“Dopo molto tempo siamo riusciti a risolvere questa vertenza e presto il Centro Sportivo atteso da tanti anni dalla cittadinanza sarà realizzato. In questi anni alcuni non ci hanno creduto  ma con perseveranza e attenzione ce l’abbiamo fatta” - ha detto la presidente del II, Francesca Del Bello in sopralluogo a via Como. “Vedere posare la prima pietra è stato molto emozionante perché questo momento ha rappresentato la vittoria dell’interesse pubblico e la possibilità di realizzare un centro sportivo comunale davvero per tutte e tutti grazie a delle tariffe calmierate. Ci auguriamo una veloce approvazione della Delibera in Assemblea Capitolina perché subito dopo il Municipio procederà con la gara per il completamento dell’impianto, ovvero la copertura della piscina, e per la sua gestione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento