NomentanoToday

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Albero cade in via Volturno: "Era pericolante, nel vuoto le nostre segnalazioni"

Ancora sotto choc gli abitanti di via Volturno, zona Castro Pretorio, dopo che un grosso albero è caduto sfiorando la tragedia.

 

Operai al lavoro nella mattinata di oggi, venerdì 11 maggio, per rimuovere il grosso acero che, due giorni fa è caduto all’interno del giardino tra via Volturno e piazza delle Finanze.

A seguire l’intervento di rimozione, anche il presidente del comitato di quartiere Castro Pretorio-Sallustiano: “Ero alla finestra quando è accaduto e c’erano due coppie sedute fortunatamente in panchine lontane da dove si è schiantato l’albero - spiega Carlo Favarello -  Abbiamo segnalato più volte le condizioni di questo albero, visibilmente pericolante, ma non abbiamo mai avuto risposte, ed ecco alla fine quello che è accaduto. Un albero se mantenuto può salvarsi”.

Sul posto, insieme agli operai, anche una delle agronome che collavora con il dipartimento Ambiente del Campidoglio per il censimento degli alberi esistenti nella Capitale: “Il problema di questo albero era nelle radici e per questo era stato segnalato e richiesto analisi più approfondite, anche per provare a salvarlo - dice - purtroppo non c’è stato il tempo e le piogge di questi giorni hanno ovviamente accelerato il processo”.

"Il problema è che tutta la zona è in completo abbandono da parte del Comune e dal servizio giardini - dice Andrea Ginevri a Roma Today, un abitante di zona che frequenta abitualmente il giardino con la sua bambini di due anni - Questo albero in particolare lo avevo segnalato al dipartimento io stesso un anno fa, avevano detto che avrebbero provveduto e invece niente. E se quel giorno c'erano i bambini a giocare?". Una domanda più che legittima.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento