Castro Pretorio Esquilino / Piazza dei Cinquecento

Innamorati della stessa donna, litigano ed uno recide la giugulare all'altro

Una disputa per motivi sentimentali. Un peruviano recide con una bottiglia la giugulare ad un connazionale. Arrestato per tentato omicidio. Per la vittima intervento chirurgico d'urgenza

Una donna desiderata da entrambi ha indotto due peruviani quasi ad uccidersi. Ieri notte la Polizia in servizio di pattugliamento nei pressi della Stazione di Termini ha trovato un uomo steso, zampillante sangue dalla giugulare. Gli agenti hanno prestato i primi soccorsi, dopo aver chiamato il 118. Dopo l'arrivo dell'ambulanza gli agenti anno trovato a poca distanza da Piazza dei Cinquecento, un altro peruviano C.S.J.B., di 33 anni, che presentava una ferita al labbro superiore.

Entrambi i feriti sono stati portati all'ospedale. Dalla ricostruzione dei testimoni e dalle dichiarazioni si è evinto che entrambi i connazionali erano innamorati di una stessa donna e per questo sono giunti alla lite.

Il 33enne avrebbe durante una collutazione rotto una bottiglia di vetro recidendo il collo del rivale. Dopo le cure mediche è stato arrestato per tentato omicidio. La vittima ha invece dovuto subire un intervento chirurgico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Innamorati della stessa donna, litigano ed uno recide la giugulare all'altro

RomaToday è in caricamento