rotate-mobile
Nomentano Nomentano / Piazzale di Porta Pia

Tra decoro e zona 30, ai commercianti di Porta Pia 100mila euro dalla Regione

Sono 26 le attività nel II municipio che potranno sviluppare progetti di promozione, ma anche di manutenzione e riqualificazione. Il municipio: "Speriamo possa ripetersi per coinvolgere più esercizi possibile"

Sono uscite pochi giorni fa, dopo 9 mesi di attesa, le graduatorie definitive del bando "Reti di Imprese", finanziato dalla Regione Lazio con un fondo da 15 milioni di euro complessivi. Tra i vincitori c'è anche un'associazione di commercianti del II municipio, l'unica ad essere entrata tra i progetti finanziabili e che godrà di 100.000 euro. 

Il bando regionale che premia i commercianti

La domanda era stata presentata ad agosto, il risultato è arrivato a inizio maggio: il Quadrilatero in Rete, 26 attività commerciali che animalo il quadrante di Porta Pia, nel II municipio, ha vinto un finanziamento di 100.000 euro dalla Regione Lazio per realizzare attività di riqualificazione, manutenzione, promozione all'interno del quartiere. Con il sostegno istituzionale e operativo del municipio. 

Il municipio partner per monitorare il progetto vincente

All'inizio a partecipare era stata anche una rete di commercianti di San Lorenzo, ma nonostante il progetto sia stato presentato lo stesso giorno dei colleghi di Porta Pia, arrivati a loro i fondi erano esauriti. In ogni caso, l'assessora alle attività produttive del II, Valentina Caracciolo, è entusiasta: "La ricaduta più importante di questo bando - spiega - sarà che nascerà una collaborazione stretta tra commercianti e con il municipio. Noi abbiamo dato una mano, prima facendo una scrematura e una verifica rispetto alle idee presentate e poi abbiamo deliberato l'approvazione entro i tempi richiesti, cioè il 4 agosto. Ora c'è la fase operativa, noi faremo il monitoraggio e la rendicontazione delle spese". 

Tra decoro e zona 30

Non solo decoro e manutenzione. La chiave vincente del progetto di Quadrilatero in Rete è stata probabilmente anche la capacità di far dialogare le intenzioni dei commercianti con i piani già in essere dell'amministrazione di prossimità. Infatti, come spiega Caracciolo "verranno coordinate le attività con il progetto di zona 30 - conferma - che stiamo per ultimare a piazza Alessandria". Un iter avviato ormai a metà del 2021 e che entro la fine del 2023 potrebbe vedere i primi risultati, dopo la ricezione delle proposte da parte di associazioni e cittadini, i tavoli tecnici e gli incontri pubblici sul tema. "Comincerò a incontrare la nuova direttrice del municipio - conclude l'assessora - e gli operatori commerciali di Porta Pia nei prossimi giorni. Sono entusiasta, spero ci sia un nuovo bando così da coinvolgere chi non ha partecipato o lo ha fatto senza successo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra decoro e zona 30, ai commercianti di Porta Pia 100mila euro dalla Regione

RomaToday è in caricamento